giovedì 9 aprile 2020

Claudio Barzetti presenta "Carbonara" e il nuovo ep a Fattitaliani. L'intervista

Carbonara, il nuovo singolo di Claudio Barzetti, uscito in concomitanza con la Giornata Internazionale della pasta, arriva in un momento transitorio in cui il cantautore lombardo/emiliano rispolvera parte delle sue origini più rock, sempre declinandole in un sound molto più moderno, essenziale, dal profumo indie pop. Il singolo anticipa Era Satomi A Scrivere I Pezzi, il nuovo disco del in prossima uscita, un ep composto da cinque brani, di cui il cantautore parla a Fattitaliani. L'intervista.
Domanda scontata: per festeggiare l'uscita del singolo e la Giornata internazionale della Carbonara, te lo sei preparato e gustato un bel piatto di pasta?
Chiaro che sì! A pranzo. Al di là del brano, resta uno dei miei primi piatti preferiti. Però ammetto che a volte uso la pancetta quando non ho il guanciale, chiedo venia.
Che rapporto hai con la cucina e la tradizione culinaria in generale? 
Mi piace tantissimo cucinare, più di mangiare. Amo cucinare i primi piatti, contorni, pizza e pasta fresca. Inoltre adoro preparare le tigelle, essendo io per metà emiliano.
Quanto incidono sulla tua personalità e la tua musica il gusto e l'olfatto? Meno dell'udito, certo...
Mmm.. sulla mia personalità non credo molto. Sulla musica forse di più, solitamente quando scrivo ho sempre una tazza di thé di fianco a me.

L'album che pubblicherai prossimamente s'intitola "Era Satomi A Scrivere I Pezzi": da dove nasce un titolo così?
Da un commento che lasciai ad un post di un amico sui social, anche se non ricordo di preciso di cosa trattasse il post. La scrissi come una battuta qualsiasi, ma mi piacque l'effetto e il significato che portava con sé.

"Carbonara" e le altre canzoni che lo comporranno quanto ti assomigliano? quanto hanno in comune rispetto alle tue precedenti incisioni?
Le canzoni mi assomigliano parecchio. Sono scarne e dirette. Ognuna arrangiata in maniera diversa rispetto alle altre. 
Rispetto alle precedenti produzioni, nella nuova ci sono brani come Antonello da Milano e La Segreteria che si distaccano molto con quello che era Partenze (mio primo Album). L'utilizzo dei synth è aumentato e per la prima volta ho scritto l'intero lavoro al piano, solo dopo alcuni brani sono stati arrangiati con uno stile più rock. Era Satomi a scrivere i pezzi lo considero quindi il riassunto di un periodo di transizione della mia musica.

Ci dici qualcosa di più sul video di "Carbonara"? com'è stata concepita, sviluppata e realizzata l'idea di fondo?
L'idea è nata abbastanza casualmente, era un periodo in cui non avevo intenzione di fare il solito videoclip con attori, una storia, playback o altro. Di conseguenza, io e Silvio Gelmi, il regista nonché motion designer del videoclip, abbiamo unito le idee e le forze. Abbiamo voluto rappresentare un preciso momento: quello in cui ci si perde in uno sguardo nuovo e inaspettato. Poi la tecnica del collage ci ha permesso di svariare con la selezione di location e immagini. È stato un bel lavoro di ricerca immagini, ma credo ne sia proprio valsa la pena.
In che situazioni hai realizzato di avere il "Cuore sbattuto"?
Neeext..

Hai mai vissuto un "Rapporto affumicato"?
Ne ho una cantina piena mi scapperebbe da dire.. In realtà credo che alcuni rapporti possa averli considerati affumicati al tempo, ma ora tendo a ricordare solo le parti migliori dei rapporti avuti e anche dei ricordi peggiori e/o affumicati cerco di cogliere i lati positivi. Anche se pensandoci bene, non sono uno che si trascina le cose se le considera affumicate; così nell'amore come negli altri campi della vita. Giovanni Zambito.
"Carbonara".
Ascolta&Scarica qui.
Guarda il video qui.