mercoledì 4 settembre 2019

LA TENDA MILANO, PAOLA CITTERIO E MALO IN UN TRIBUTO ALLA DONNA

Da sempre moda e arte sono un binomio inscindibile alimentato da sensibilità e creatività, l'una attinge dall'altra in una continua interpretazione e rielaborazione della vita alla costante ricerca di un ideale di bellezza.

La Tenda Milano continua la sua esplorazione nel mondo dell'arte attraverso una collaborazione con il brand Malo e l’artista Paola Citterio.

Per due settimane infatti, a partire dal 7 ottobre 2019, la vetrina principale di via Solferino a Milano diventerà teatro di questa collaborazione stilista-artista che invita a rallentare e a riappropriarsi dei valori di un tempo per ridare importanza a ciò che conta, a ciò che non è esclusivamente legato all’attimo. Gli intramontabili capi di cashmere troveranno la loro perfetta collocazione attraverso il lavoro artistico di Paola Citterio: una maglia va conservata e tramandata come un racconto, proprio come si faceva una volta.

Paola trova il suo equilibrio estetico mescolando la tecnica di assemblaggio di ferro riciclato a quella tramandata dalle donne della sua famiglia di cucire e lavorare la lana, creando, da due punti di partenza apparentemente contraddittori, un tutto armonico.

Paola trova i materiali di ferro in vecchie fabbriche, nei cantieri navali, in vecchie cascine o per strada, in maniera per lo più casuale. Sceglie filati nel loro colore naturale che tinge personalmente in una vasca da bagno nel suo studio di Brooklyn. La realizzazione delle opere per mezzo di gesti decisi segue un andamento lento. L’ attenzione e la cura per i dettagli raccontano una storia d’ altri tempi. L’ artista supera gli stereotipi intorno alla donna fondendo femminilità e machismo con interessanti e divertenti risultati.

Per questa collaborazione con Malo, Paola ha pensato ad una scultura creata usando proprio i filati utilizzati dall’ azienda nelle sue collezioni così da stringere un legame ancora più solido tra il brand e l’ artista.

La filosofia dell’ azienda, la sua storia e quella dei suoi talenti artigiani, specialmente donne, sono gli spunti da cui Paola parte per concepire quest’opera le cui caratteristiche dipendono dalla quantità e peculiarità del materiale donato.

Il lavoro si pone in continuità di pensiero con il brand esaltandone I criteri di qualità, dedizione e capacità di sperimentazione.

Artista e stilista, insieme daranno vita a uno showcase che verrà presentato in esclusiva con un vernissage il giorno martedì 8 ottobre a partire dalle h.18:00.



L'ARTE DI PAOLA CITTERIO

Paola Citterio è una scultrice che raggiunge un perfetto equilibrio estetico mescolando la tecnica di assemblaggio di ferro riciclato a quella umile e antica di lavorare la lana creando, da due materiali apparentemente inconciliabili, un tutto armonico. L’artista si serve di ruote, ganci, catene e altri grandi oggetti rigorosamente di ferro che trova in vecchie fabbriche o nei cantieri navali, in vecchie cascine o per strada e sceglie filati nel loro colore naturale per tingerli di rosa in una vasca da bagno nel suo studio a Brooklyn prima di lavorarli meticolosamente con la tecnica del feltro a secco. La realizzazione delle opere per mezzo di gesti decisi segue un andamento lento e l’attenzione e la cura per i dettagli raccontano una storia d’ altri tempi.

Per quanto i suoi lavori tocchino temi cari all’arte femminista, Paola preferisce non dare loro una connotazione così scontata: la scelta del rosa -colore attribuito dagli anni ‘80 al genere femminile- come colore principale per le sue lane ha origine incidentale, l’uso di tecniche di lavoro così fortemente di genere riporta semplicemente al suo vissuto intimo e, diversamente dalla tradizione, l’artista non cerca una rottura col mondo maschile o una distinzione netta da esso, piuttosto, fonde gli elementi di entrambi i generi a lei più familiari superando così gli stereotipi. Queste sculture ci trasportano in un mondo misto che, senza essere giudicante, suggerisce ironia e indulgenza.