giovedì 12 settembre 2019

Cinzia Diddi consiglia i vestiti da indossare a un matrimonio... eleganti e non troppo sexy

Intervista alla Stilista Cinzia Diddi

Come vestirsi a un matrimonio? Qual è il look perfetto per le invitate?
Le regole le detta sempre il buonsenso che poi è alla base del buongusto.
Quale colore indossare? Abito lungo o corto? Su quali accessori puntare? Sono solo alcune delle tante domande.
Esiste un galateo del matrimonio, ecco di seguito i capisaldi di bon ton!!!
Vietato vestirsi di bianco, l’unica a poter sfoggiare l’abito candido è la sposa! 
Il nero non è più un taboo dunque, se rischiarato e vivacizzato con  accessori, colorati o ultra-scintillanti.
Abito Lungo o corto?
Nessuna scollatura generosa o gonne troppo corte e spacchi profondi: il buon gusto deve sempre farla da padrone, punta tutto perciò su abiti midi o lunghi senza “esagerazioni” di sorta. 
Come scegliere la lunghezza dell’abito?
La regola è sempre la stessa: appena sopra o sotto al ginocchio per il giorno, lungo per la sera. Meglio se nelle tonalità dolci come il rosa cipria o il beige.
lustrini, pailettes e perline devono essere ben dosati ma le ultime tendenze hanno superato anche questa regola.
Da Evitate invece i colori fluorescenti, non fatevi ingannare dalle ultime tendenze, partecipare ad un matrimonio ed avere l’outfit giusto è una cosa seria e non prevede errori!
Il trucco per un matrimonio cambia a seconda dell’orario della cerimonia, ma cercate di mantenere comunque un certo stile. Fare lo smokey eyes non significa avere gli occhi da panda e un bel rossetto rosso non implica sembrare un clown (attenzione anche al blush).
Se il matrimonio si svolge di mattina vanno bene anche le fantasie floreali o i colori più vivaci: fucsia, arancio, giallo. Se la cerimonia è religiosa ricordarsi di coprirsi le spalle in chiesa con una stola o un giacchino. Anche i vestiti con corpetto stretto e gonna a palloncino o ampia sono molto eleganti. Se siete invitate a un matrimonio che si svolge di sera, è quasi d'obbligo l'abito lungo, evitando il nero e preferendo il blu notte se la cerimonia richiede abbigliamento formale, magari con l'aggiunta di stola e gioielli, ma sempre senza esagerare. Per una cerimonia informale possiamo concederci anche un abito che mette in evidenza le forme, con un fisico asciutto e definito, bene anche gli scolli che non devono essere troppo ampi così come l'abito, che può essere aderente ma senza fasciare troppo.  Sì anche alle pailettes. Ricordate però di non rubare la scena alla sposa, che dovrà restare la vera protagonista della cerimonia.
Quali accessori è bene indossare?
Gli accessori devono essere scelti sempre in base all'abito da cerimonia che abbiamo scelto: se l'abito è semplice e monocolore, possiamo arricchirlo con accessori più appariscenti e dal design più particolare. Se l'abito ha delle pailettes o ha dei fiori, allora sarà meglio optare per gioielli e accessori più sobri. Anche i guanti sono ammessi: corti d'estate e fino al gomito d'inverno, da togliere però in chiesa durante la celebrazione del matrimonio. Scegliete borse piccole, pochette o delle piccole tracolle: l'importante è che sia mini. Chi intende indossare un cappello dovrà sceglierne uno di qualità da tenere per tutta la cerimonia. 
Che ruolo hanno i paggetti e le damigelle durante le nozze?
Una tradizione usuale e ben consolidata quella che vede queste due dolci figure accompagnare fino all’altare gli sposi.
I paggetti e il rito delle fedi
Bisogna dire che già la loro presenza basterebbe a portare una forte nota di commozione e di spensieratezza. Dall’altra parte però, esistono degli incarichi ben precisi che è necessario far conoscere ai piccoli. I paggetti, preparati a puntino precedono la sposa all'entrata in chiesa e portano gli anelli nuziali su un cuscino porta fedi di velluto e spargono petali, per annunciare e celebrare la sposa.
Sono una nota allegra, tenera e piena di spontaneità per un matrimonio colorato. Importanti dal punto di vista della scenografia, aggiungono grazia all'intero quadro e regalano sorrisi e buon umore a tutti i presenti. Si ha traccia di paggetti e damigelle di matrimonio già nei cortei di nozze cantati dai poeti latini con i loro antenati, ossia gli Amorini e le Grazie, che accompagnavano al tempio la sposa sorreggendo le fiaccole accese e intonando l'inno a Imeneo, Dio delle nozze.
Qual è l’ultimo matrimonio a cui ha partecipato e che abito ha indossato ?
L’ultimo matrimonio a cui ho preso parte è quello di mia cugina Veronica, ho indossato un abito  lungo in paillettes rosa acceso  da me disegnato e realizzato dal mio staff e una borsa pochette color oro.
Il rito d'ingresso è stato carico di gioia ed emozione. I miei figli Dante ed Annalea hanno annunciato la sposa con petali ed hanno portato le fedi.
Un ringraziamento di vero cuore a “La banca dei ricordi “ha trasformato in fotografia quei momenti carichi di emozione.