venerdì 2 agosto 2019

La grande storia dell’impressionismo, a teatro il nuovo racconto-spettacolo di Marco Goldin

Dopo il grande successo della prima stagione teatrale 2018/2019, in autunno ritornerà nei teatri “La grande storia dell’impressionismo”, il nuovo racconto-spettacolo creato da Marco Goldin e prodotto da International Music and Arts e Linea d’ombra, che mette in scena l’incanto della pittura da Monet a Van Gogh.

Goldin, il maggiore esperto di impressionismo del nostro paese, condurrà poeticamente lo spettatore per mano nella Francia degli ultimi decenni dell’Ottocento, con il suo modo unico di raccontare l’arte, semplice ma mai banale, scandagliando emozione e conoscenza, e mettendo insieme parole, immagini e musica.
Al suo fianco sul palco Remo Anzovino (Nastro D’Argento 2019 – menzione speciale Musica dell’Arte), uno dei principali esponenti della scena musicale contemporanea che ha composto le musiche originali dello spettacolo che eseguirà dal vivo al pianoforte, e sullo sfondo le esclusive scenografie video create dai videomaker Fabio Massimo Iaquone e Luca Attilii.
Le date estive in programma ad agosto sono: 8 agosto Forte dei Marmi – LU (Villa Bertelli), 16 agosto Sarsina – FC (Arena Plautina), 17 agosto Porto Recanati – MC (Arena Beniamino Gigli). I biglietti sono disponibili online sul circuito Ticketone e nelle prevendite abituali.
Questi i primi appuntamenti annunciati per l’autunno: 24 novembre Trento (Auditorium Santa Chiara. prevendite: www.ticketone.it;www.primiallaprima.it), 28 novembre Gorizia (Teatro Verdi. prevendite: www.vivaticket.it; botteghino 0481-383602; biglietteria del foyer 0481-383601), 5 dicembre Brescia (Teatro Display. prevendite: www.ticketone.itwww.vivaticket.it), 7 dicembre Mestre – VE (Teatro Corso. prevendite:www.ticketone.itwww.vivaticket.it), 10 dicembre Genova (Teatro Politeama. prevendite: www.ticketone.it), 15 dicembre Varese (Teatro Openjobmetis. prevendite: www.ticketone.it).
Sono veramente felice di tornare a incontrare il pubblico, per un racconto-spettacolo che rappresenta una novità, dal punto di vista del modo, nel mio percorso”, dice Goldin. “Affronterò infatti, nella luce meravigliosa dell’emozione che nasce dalla conoscenza, la storia dell’impressionismo per come si è sviluppata fin dagli anni Sessanta dell’Ottocento. Fatti, personaggi, quadri, luoghi e soprattutto l’elogio della natura. Attraverso paesaggi che la scenografia video, affidata ai ledwall in mezzo ai quali racconterò, come se mi trovassi in una grande scatola colorata, rilancerà di continuo con immagini straordinarie che sono state appositamente girate in Provenza, sulla costa del mar Mediterraneo, nella foresta di Fontainebleau, sulle spiagge di Normandia, sulle scogliere a picco sul mare del Nord e in Bretagna. Un linguaggio visivo che unirà immagini delle opere d’arte, loro particolari, disegni, fotografie d’epoca e scattate al giorno d’oggi e soprattutto brani di video che daranno il senso dei luoghi nei quali gli impressionisti hanno lavorato. Un tutt’uno assieme alle mie parole e alla musica intensa di Remo Anzovino”, spiega. 
Il racconto si svilupperà in cinque momenti, in 120 minuti di spettacolo: Goldin, facendo ricorso al suo narrare sempre fluido ed empatico, con le parole che generano continue immagini, accompagnerà tutti dapprima nella foresta di Fontainebleau, dove i giovani impressionisti, da Monet aPissarro, da Renoir a Sisley, si incontravano a metà degli anni Sessanta per dipingere nei boschi.
L’amore nei confronti del paesaggio farà da contrappunto a tutto il percorso, anche quando, e sarà il secondo momento della narrazione, si entrerà nel decennio successivo, quello canonico dell’impressionismo. Periodo in cui prenderanno il via, da quella memorabile del 1874 nello studio di Nadar, le esposizioni impressioniste, con l’ingresso sulla scena parigina della pittura anche di CézanneDegas e Gauguin, o di figure femminili come Berthe Morisot o l’americana Mary Cassatt.
La meraviglia del fiume, i disgeli lungo la Senna, le alte scogliere di Normandia, le sue spiagge e il mare, daranno la possibilità a Goldin, nel terzo tempo del suo racconto, di parlare della crisi dell’impressionismo e della fine del dogma della pittura di plein-air in Monet. Prima dei due momenti conclusivi, riservati a due straordinari artisti che hanno portato fino alle estreme conseguenze la crisi dell’impressionismo: Vincent van Gogh e Paul Gauguin.
Marco Goldin - trevigiano, classe 1961, oltre 400 esposizioni curate a partire dal 1984 e circa diecimila opere ottenute in prestito da fondazioni, musei e collezioni private da tutto il mondo, è unanimemente riconosciuto come il maggiore esperto di impressionismo in Italia. I suoi allestimenti sono veri e propri racconti cuciti per il pubblicodal 2005 porta con successo sul palcoscenico racconti/spettacolo realizzati per introdurre, in modo fortemente legato all’emozione, le sue grandi mostre, sempre ai vertici delle classifiche tra quelle più frequentate in Italia e nel mondo, e che negli ultimi vent’anni hanno attirato oltre undici milioni di visitatori. Ultimo caso quella dedicata a Van Gogh nella Basilica Palladiana di Vicenza, da poco conclusa e che ha sfiorato il mezzo milione di ingressi. Goldin si è sempre contraddistinto per il suo modo di raccontare l’arte fatto di poesia, emozione e conoscenza, con il gusto per una parola sempre molto coinvolgente e mai banale, e pur sempre di estrema comprensibilità.
Considerato da critica e pubblico uno dei più originali e innovativi compositori in circolazione, Remo Anzovino (Pordenone, 1976) è uno dei massimi esponenti della musica strumentale italiana. Ha all’attivo cinque album registrati in studio, uno dal vivo, registrato all'Auditorium Parco della Musica di Roma, un progetto speciale dedicato a Pier Paolo Pasolini e uno dedicato a Muhammad Ali. Ha composto le musiche per i maggiori capolavori del cinema muto collaborando con le più prestigiose cineteche e partecipando ai principali festival internazionali. Gli ultimi suoi lavori come compositore per il cinema sono la colonna sonora del docu filmHitler contro Picasso e gli altri. L’ossessione nazista per l’arte e Van Gogh. Tra il grano e il cielo, Le Ninfee di Monet e Gauguin a Tahiti – Il Paradiso Perduto, quattro film evento per la serie “La Grande Arte al Cinema”, che lo hanno portato al Nastro D’Argento 2019 – menzione speciale Musica dell’Arte e che sono diventati anche quattro album, pubblicati in tutto il mondo da Sony Masterworks.


Per maggiori info:
infoline: 059 644 688