venerdì 14 giugno 2019

Bruxelles, Luigi Ciciriello inaugura magnificamente Dinner in the Sky 2019

Accoglienza, affabilità e soprattutto qualità al top: sono i tratti distintivi della personalità e della cucina dello chef stellato Luigi Ciciriello, orgoglio italiano che vive, lavora e diletta il palato dei suoi clienti a Bruxelles nel suo rinomato ristorante "La truffe noire".

Ieri abbiamo avuto l'ennesima prova in occasione dell'inaugurazione di Dinner in the Sky 2019, l'evento gastronomico che si gusta a 50m di altezza su una piattaforma, con tanto di cinture allacciate: quest'anno sul Canale della capitale europea, in un quartiere in via di sviluppo culturale e architettonico.
A dispetto di un tempo infame, l'evento è andato per il meglio: compagnia gradevole, professionisti di alto livello, l'acqua San Pellegrino e i suoi 120 anni di vita, il vino Amicone dal Veneto (rosso e bianco, entrambi deliziosi) e ovviamente, il menu preparato da Luigi Ciciriello e la sua squadra.
A cominciare da "Cloud in the sky": 
- scampi, citronella, cocco e zenzero
- pomodoro Pachino al caramello croccante
- sale marino e timo selvaggio
- bavarois di aragosta "120" profumato alla vaniglia, con una spolverata di cioccolato à la fleur de sel

A seguire il classico di Ciciriello:
il Carpaccio di un taglio di carne belga 'Bleue des Prés", scaglie di Parmigiano Reggiano e grattugiata di tartufo estivo

Cuore di merluzzo velato con foie gras, e con asparagi verdi e cappuccino di asparagi di Malines, stella di 'matelote' in onore della San Pellegrino e crumble di olive nere

Come dessert un magnifico Girasole di frutti meringati con salsa di mango e frutto della passione.
Sorbetto alla noce di cocco e zucchero filato stellato.

Ancora una volta, Luigi Ciciriello ha fatto centro.