domenica 28 aprile 2019

FIGHTING SPIRIT MUAY THAI - ROAD TO THAI FIGHT, IL PLURICAMPIONE DEL MONDO GABRIELE CASELLA BATTE IL FRANCESE CORENTIN JALLON NEL PRESTIGE FLIGHT ITALIA - FRANCIA

Al Palatlantico di Roma si è concluso poche ore fa il “Fighting Spirit Muay Thai - Road to Thai Fight”,  patrocinato dall’Ente Nazionale per il Turismo Thailandese e dalla Kikbms, con l'organizzazione di Gianluca Colonnese.
Tra i 18 Prestige Fight in cui, fino a tarda notte, si sono sfidati 36 atleti, quello di Gabriele Casella del Team Sap Fighting Style, contro il campione di Francia Corentin Jallon era il match più atteso. Il pluricampione del mondo detto “Il Magnifico” ha avuto la meglio su Jallon. Il giovane romano, che ha combattuto nella categoria 82kg, ha preso subito il sopravvento sull’avversario, colpendolo duramente e portandolo in più occasioni al limite del ko.

Casella non ci ha risparmiato nulla ed ha usato tutte le tecniche che ha affinato in questi anni e che gli hanno consentito di battere sempre i migliori fighter thailandesi che lo hanno sfidato in ogni parte del mondo. Tecniche di gambe, l’uso di gomiti e di proiezioni tipiche della Muay Thay, unite all’uso di tecniche pugilistiche consolidate in questi anni, lo hanno aiutato ad essere ‘Vincitore’ anche ieri sera. Gabriele si è  infatti aggiudicato il Prestige Fight Italia - Francia nella categoria 82 kg.

Alla fine del match Gabriele ha espresso soddisfazione per esser riuscito ad avere la meglio su di un forte avversario capace di combattere al limite delle possibilità fisiche. "Si cerca l’avversario più forte per lanciare nuove sfide a se stessi. Quel che mi interessa è che continui a crescere l'interesse tra le nuove generazioni per la Muay Thai e per una visione del mondo che solo le arti marziali possono dare. Continuerò il mio tour in tutte le scuole italiane per far capire il valore pedagocico e spirituale di questa disciplina che, al di là dell'agonismo, offre grandi occasioni di crescita personale. Un antidoto contro violenza e bullismo”. 

Roma è diventata la capitale della Muay Thai proprio nel momento in cui questa antica arte marziale ha iniziato il percorso per diventare disciplina Olimpica. E proprio dalla periferia romana Casella il Magnificent ha iniziato il percorso che lo ha portato a stare, al di là di sigle e federazioni, nelle classifiche mondiali dei primi 10 fighter più forti al mondo. Anche per questo il pubblico romano questa notte ha esultato per lui, assieme ai tanti attori e gente dello spettacolo che lo seguono con passione perché vedono nel suo modo di stare sul ring il modo in cui un attore dovrebbe stare in scena per ricollegarsi alla fonti della creatività e per trasformare in un evento la ripetizione della rappresentazione. Anche il regista Ivano De Matteo, grande amico di Gabriele, non poteva mancare a questo evento e ricorda che le pratiche degli sport da ring sono alla base del rinnovamento delle arti dello spettacolo nelle rivoluzioni del novecento. Sul quadrato del ring non si mette in gioco la propria esistenza per far digerire il pubblico televisivo, ma per rinnovare il mondo intero.