lunedì 4 marzo 2019

Pd, Enza Clementi a Fattitaliani: la gente soffre e chiede aiuto. L'intervista

Il popolo del Partito Democratico ha scelto e lo ha fatto con grande convinzione: Nicola Zingaretti è il nuovo segretario e sembra che assieme al risveglio della partecipazione popolare si accompagni quello di un attivo proponimento a cambiare le cose, a riprendere un cammino che sia per la politica vera, quella a contatto con le persone, aperta alla solidarietà reciproca. Fattitaliani ha parlato con Enza Clementi, che con Peppe Zambito, è stata eletta all'assemblea nazionale con la lista "Piazza Grande Sicilia". 

Un commento al grande afflusso per le primarie... che cosa testimonia secondo lei?
Che gli Italiani ci chiedono aiuto, vogliono che le circostanze strutturali delle persone vengano risolte, questo afflusso ci fa capire che il Pd deve urgentemente riunire le forze per andarci a riprendere quel timone di quella nave che ahimè grazie agli altri si era dispersa, oggi la nave l'abbiamo trovata ma dobbiamo sistemarla e farla ripartire.
In che maniera e su che punti lei e Zambito vi siete trovati particolarmente in armonia e d'accordo?
Con Peppe abbiamo avuto grande sinergia nell’organizzare le varie arie della nostra provincia in maniera dettagliata precisa e con garbo verso i nostri compagni delle altre liste, inoltre Peppe è una persona vulcanica eclettica come me: ci capiamo subito e andiamo d’accordo su tutte le linee, quando c’è qualche problema, noi siamo abituati da persone perbene che siamo a discutere e a chiarire, siamo stati sempre missionari verso gli altri, attivisti di grande presenza nel territorio e purtroppo ahimè molte volte abbiamo le mani legate nel dare sostegno in alcuni settori. Con Peppe abbiamo sempre unito  le forze con le nostre tasche, per aiutare gli altri, il nostro futuro è riorganizzare nel meglio tutto ciò che il nostro territorio richiede.
Nei suoi ringraziamenti ha dichiarato "sarò onesta come sempre a rappresentare il mio territorio con la massima lealtà": facile districarsi nel suo paese senza scendere a compromessi?
Sono sicilianista vera quella con la S maiuscola, non ho mai incontrato gente che mi ha chiesto cose che non doveva o gente che fa baratti o scambi, posso dire che il mio popolo soffre e chiede aiuto, personalmente ho sempre aiutato tutti senza guardare colori razze costumi e stemmi reali, ma guardo il bisogno di chi chiede aiuto, chi ha sbagliato nella vita, anche ragazzi che hanno avuto esperienza carceraria li ho sempre aiutati ad uscire dal loro tunnel e rivedere la luce.
Lei è anche imprenditrice: come rilanciare nell'agrigentino le attività produttive autonome senza venire schiacchiati dalla mancanza di infrastrutture e dal peso della burocrazia?
La mia provincia va riorganizzata con un piano Marshall: necessita con urgenza di riorganizzare l'efficienza delle strade interne al nostro territorio, riqualificare le aree urbane, sviluppare impresa con finanziamenti pubblici ammissibili a chi non ha il cofinanziamento, rivalutare i centri storici, rimuovere tante inutili leggi per ridare slancio ai nostri mari, promuovere il turismo sviluppando i servizi che necessitano per far venire più gente da noi. La burocrazia è il male che porta la morte a tante aziende, dobbiamo snellire il sistema che andrebbe cambiato per intero, il lavoro è molto complesso ma avendo gli uomini giusti nei posti giusti un cambiamento potrebbe esserci, la gente si è recata in massa alle urne per le nostre primarie anche per questo, vuole vedere un Pd forte unito per riprendere le redini del paese Italia.
Come concludiamo questa chiacchierata...?
Sì, chiedo sempre aiuto al mio popolo: gli dico che Enza e Peppe  ci sono sempre per tutte le persone che hanno bisogno di aiuto, il nostro essere è determinato da loro; più ci avvicinano più ci onorano, io Enza Clementi e Peppe Zambito siamo onoratissimi di servire il nostro popolo. Ancora un grazie a chi ci ha sostenuto.