lunedì 21 gennaio 2019

OnStage! festival, SHOOTER, il 22 gennaio lo spettacolo sulle armi e incontro a tema all'Off-Off Theatre

Il rapporto fra l’uomo e le armi è un retaggio ancestrale, fa parte di tutte le culture e si conserva, declinato in modo anche curioso e spiazzante, nel contemporaneo.
Le foto di Simone Tramonte raccontano un’Italia che ha una promiscuità disinvolta con le armi, un rapporto quotidiano con l’oggetto, che apparentemente prescinde dalla sua funzione potenzialmente letale. Le statistiche delle stragi nelle scuole USA, raccontate dallo spettacolo, descrivono invece il pericolo di questa promiscuità per i giovani che stanno costruendo la propria identità maschile. Dov’è quindi il pericolo, nelle armi o negli uomini che le impugnano?
Shooter esplora un problema ancora unicamente statunitense: le sparatorie nelle scuole superiori, tutte commesse da uomini. Il testo scava alle oscure radici della questione, ovvero il fragile ego maschile che sembra attraversare una crisi funzionale. Cosa offrono le armi a un uomo che ha perso la naturale sensazione di essere al proprio posto nel mondo? Solo le armi la vera fonte del problema? O sono gli uomini che non sanno più come essere uomini?
SINOSSI
Shooter è la storia di una sparatoria/massacro fermato prima che potesse accadere. Quando Jim vede un adolescente con un fucile che si avvicina alla scuola superiore del posto, anche lui tira fuori la sua pistola. Jim è un eroe. Shooter è un racconto umano che si concentra sul litigio fra tre amici, esplorando il rapporto tra la violenza armata e l’identità maschile. 
Martedì 22 gennaio 2019

Off-Off Theatre
Via Giulia, 20 - Roma


Ore 18,45
INCONTRO
ARMI: PERCHE’, PER CHI
Moderatore Valentina Santarpia, giornalista
Interventi:
Simone Tramonte, fotografo
Federica Mazzeo, psicologa psicoterapeuta
Katrin Hilbe, regista e produttrice
Eccezionalmente in proiezione il reportage fotografico “Brothers in Arms” realizzato da Simone Tramonte nel 2018

BIOGRAFIE

ManyTracks Inc. Sin dagli inizi nel 2009, Many Track ha stabilmente creato progetti riguardanti diversi temi, materie e ambizioni, presentati a New York, Seattle, Edimburgo, Londra, Dublino e nel Lichtenstein. Tra le precedenti produzioni troviamo The Savannah Disputation di Evan Smith, una nuova traduzione di La morte di Danton di Georg Büchner, la prima mondiale di The Man in the Newspaper Hat di Hayley Heaton, Breaking the Silence di Rivka Bekerman-Greenberg con Jan Leslie Harding e lo spettacolo premiato St Joan di Julia Pascal. Per maggiori informazioni www.manytracks.org

Sam Graber è un autore americano con base a Minneanapolis, in Minnesota. Nel 2016 il suo Modern Prophet entra a far parte della Broadway Producer List (NYC). I suoi spettacoli sono andati in scena da New York a Los Angeles e su molti altri palchi. È un artista associato al Swandive Theater e membro del consiglio dell’Arts Nest. Le sue opere Detainee, Lottery Play e Everything’s Free! Sono state pubblicate nelle antologie Smith &  Kraus delle “migliori opera teatrali”. Insegna al The Playwrights’ Center. Per saperne di più https://samgraber.com/

Katrin Hilbe è una regista originaria del Liechtenstein e cresciuta in Kansas, che lavora negli Stati Uniti e in Europa. La sua produzione di Salome di R. Strauss per il New Orleans Opera ha vinto come “Miglior Produzione lirica” e con il St Joan di Julia Pascal ha vinto l’Hilton Edwards Award per miglior regia e adattamento al Dublin International Gay Theater Festival. Katrin è una regolare collaboratrice dell’EUROPEAN STAGES, rivista del Martin E. Segal Centerl. Katrin è un membro del SDC, LPTW, TRU, DG e del PDU del The Actors Studio. Per saperne di più http://www.katrinhilbe.com/

Ean Sheehy (Jim)  Red-Eye to Havre de Grace (New York Theater Workshop, Suzanne Roberts Theater in Philadelphia, Paramount Theater in Boston, Walker Center Theater in Minneapolis), Chautauqua! (PS 122, The Public Theater, Walker Center in Minneapolis), The Golden Veil (The Kitchen), Lips ck Traces (Ohio Theater), The Final Interrogation of Ceaucescu's Dog; Mr. Morton Waits for His Bus (Ensemble Studio Theater), Shrunken Heads (Playwrights Horizons) Thom Pain (based on nothing) (The Ensemble Theater of Cincinnati ), No Foreigners Beyond This Point (Center Stage Baltimore), Master and Margarita (The Fisher Center). Film & TV: "Precious", "The Notorious Betty Page", "John Adams", "Law & Order, Law & Order: Criminal Intent and Law & Order: SVU" 

Ian Gould (Alan) Off-Broadway: In Bed With Roy Cohn (Theater Row, diretto da Katrin Hilbe), protagonista in The Show-Off (Peccadillo Theater), Guildenstern in Rosencrantz and Guildenstern Are Dead and Hamlet, Macbeth e A Connecticut Yankee In King Arthur’s Court (The Acting Company), Romeo and Juliet, A Midsummer Night’s Dream, The Winter’s Tale, Measure for Measure (New York Classical Theatre, dove è Associate Artist). Tournée: Guthrie Theater, The Shakespeare Theatre of New Jersey, Luna Stage, Baltimore Centerstage, Lake Tahoe Shakespeare Festival, New Harmony Theater, Great Lakes Theater, Idaho Shakespeare Festival. Formazione: MFA, Shakespeare Theatre Company Academy for Classical Acting.

David Perez-Ribada (Ben-David) AEA, SAG-AFTRA. In un mondo che sempre più guarda ogni problema come se fosse o bianco o nero, è importante ricordarsi che esiste anche il grigio. Ci sono sempre almeno tre versioni di ogni storia e io sono felice di essere parte di questa. Grazie a Katrin di avermi preso a bordo, a Sam per le parole, al cast per il supporto e a Mercedes per aiutarmi a continuare a recitare per guadagnarmi da vivere. http://www.dpribada.com/

Michael Gnat* (Troy) è alla sua prima nomina per il Teatro Indie ed è appena entrato a far parte della Indie Theater Hall of Fame. Fra i suoi lavori recenti a New York: We’ll Meet Again (lettura, La MaMa); Mesquite, NV; All’s Well...; Ditmas. NYC Favorites: The Navigator (Drama Desk–nominated show); The Savannah Disputation (dir. Katrin Hilbe); The Bauer Sisters; The Chekhov Dreams (Chekhov); Slave Shack; Twelth Night (Malvolio); Van Gogh Gives a TED Talk (solo); To Live; Unfamiliar Faces; Turtles and Bulldogs; The Riverside
  Symphony (“Attore straordinario”). Film: O Jackson Avenue; Bobby G. Can’t Swim. Web: News from the Year 2137 della ONN. E’ membro delle compagnie teatrali Workshop, Articulate e DrillingCo. AEA, SAG–AFTRA. Thanxoxox Linda! 
Michael Gnat (Troy) è alla sua prima nomina per il Teatro Indie ed è appena entrato a far parte della Indie Theater Hall of Fame. Fra i suoi lavori recenti a New York: We’ll Meet Again (lettura, La MaMa); Mesquite, NV; All’s Well...; Ditmas. NYC Favorites: The Navigator (Drama Desk–nominated show); The Savannah Disputation (dir. Katrin Hilbe); The Bauer Sisters; The Chekhov Dreams (Chekhov); Slave Shack; Twelth Night (Malvolio); Van Gogh Gives a TED Talk (solo); To Live; Unfamiliar Faces; Turtles and Bulldogs; The Riverside
  Symphony (“Attore straordinario”). Film: O Jackson Avenue; Bobby G. Can’t Swim. Web: News from the Year 2137 della ONN. E’ membro delle compagnie teatrali Workshop, Articulate e DrillingCo. AEA, SAG–AFTRA.

Nicholas-Tyler Corbin (Gavin) è un neolaureato della SUNY Purchase ed è entusiasta di essere parte del cast di Shooter. Fra i suoi passaggi a Broadway: Lili Marlene (ora at The St. Luke's Theatre), The Art of Drowning (Manhattan Rep). Regionale: Amadeus (Mozart), Hair (Claude). SUNY Purchase: Bent (Max), Hand to God (Jason), Three Sisters (Tuzenbach). American Theatre Wing Springboard NYC Alumni. Per Charles Tuthill. https://www.nicholastylercorbin.com/