martedì 29 gennaio 2019

Camera di Berlino 2019: Onora Sandra Schulberg, Wieland Speck, Agnès Varda e Herrmann Zschoche

Dal 1986, la Camera di Berlino ha premiato individui e istituzioni che hanno un legame con il festival e hanno dato un contributo straordinario al mondo del cinema. È un modo per mostrare gratitudine a coloro che sono diventati amici e sostenitori della Berlinale.

Il 69° Festival Internazionale del Cinema di Berlino vede quattro persone premiati dalla Camera di Berlino: il produttore americano e  la fondatrice della stessa, Sandra Schulberg, Wieland Speck, che ha diretto per molti anni la sezione Panorama della Berlinale, il regista francese Agnès Varda e il regista e sceneggiatore tedesco Herrmann Zschoche.

Sandra Schulberg, fondatrice dell'IFP (Independent Filmmaker Project) (USA)

 Sandra Schulberg, attivista di lunga data per conto di cineasti che lavorano fuori dagli studi di Hollywood, viene riconosciuta dalla Berlinale per i suoi 40 anni di servizio sul campo. Schulberg fondò l'Independent Filmmaker Project (IFP) nel 1979 e un anno dopo co-fondò la società di distribuzione indipendente First Run Features. Nel 2008 ha lanciato IndieCollect, una campagna nazionale per salvare i film indie dall'estinzione. Fa anche parte del comitato consultivo del Women's Film Preservation Fund, istituito da New York Women in Film & Television.
Oltre alla difesa e al restauro cinematografico, Schulberg ha lavorato come produttore, con tre dei suoi film in prima visione alla Berlinale: Beth B's Exposed (Panorama 2013), Quills (Competition 2000) di Philip Kaufman e Wildrose di John Hanson (Panorama 1984).  Nel 2004, la Berlinale ha anche presentato la serie speciale Selling Democracy: Films of the Marshall Plan, a cura di Dr. Rainer Rother. Nel 2010, la Berlinale ha svelato il suo restauro di Norimberga: La sua lezione per oggi (1948/2009), che documenta il primo processo di Norimberga ed è stato diretto da suo padre, Stuart Schulberg. È stato proiettato nel programma speciale Berlinale.
In occasione del quarantesimo anniversario dell'IFP, Sandra Schulberg riceverà la fotocamera della Berlinale all'EFM. La cerimonia si svolgerà venerdì 8 febbraio alle 11.30 presso il Cinema Gropius Bau.

Wieland Speck, capo della sezione Panorama di molti anni (Germania)

Il lavoro curatoriale di Wieland Speck ha contribuito a stabilire la sezione Panorama come piattaforma per cinema indipendente e stimolante. Dalla metà degli anni '70, Speck è stato coinvolto in film e video in una varietà di capacità e ha lavorato sia come autore che come editore.
Come regista, sceneggiatore e produttore, ha al suo attivo numerose produzioni cinematografiche e televisive, ei suoi crediti come attore includono film di David Hemmings, Robert van Ackeren, Ulrike Ottinger e Ian Pringle. Ha anche lavorato in un gran numero di istituzioni e festival cinematografici.
Nel 1982 è entrato a far parte della sezione Panorama della Berlinale - allora conosciuta come Info-Schau - come assistente del capo sezione Manfred Salzgeber. Fu in questa veste che nel 1987 fondò il primo premio di film queer, il TEDDY AWARD. Nel 1992 Wieland Speck prese il posto di capo sezione, rimanendo in questa posizione fino al 2017. Durante i suoi anni al Panorama, non solo programmò ma ha definito la sezione - formalmente, tematicamente e geograficamente. Nel 1999, Speck ha dato voce al pubblico con l'introduzione del Panorama Audience Award, assegnato annualmente a un documentario e un lungometraggio.
Il programma speciale Panorama 40, curato congiuntamente dal suo storico collega Andreas Struck in occasione del 40 ° anniversario della sezione, è il canto del cigno alla Berlinale di Wieland Speck.
Agnès Varda è uno dei più importanti registi francofoni contemporanei. Ha iniziato come fotografa teatrale a Parigi prima di girare il suo primo lungometraggio, La Pointe Courte, nel 1954, senza esperienza cinematografica. Attraverso Alain Resnais, che ha curato il film, Varda è entrata in contatto con il circolo che circonda i Cahiers du Cinéma, che in seguito avrebbe formato il nucleo della Nouvelle Vague francese. I suoi colleghi artisti presto includeranno Chris Marker e Jacques Demy. Nel 1961 il suo film Cléo de 5 à 7 (Cléo dalle 5 alle 7) è stato presentato a Cannes e l'ha messa saldamente al centro dei fan del nuovo cinema francese. Nel 1967 Varda lavora al fianco di Claude Lelouch, Jean-Luc Godard e Chris Marker nel documentario Loin du Vietnam (Lontano dal Vietnam). Ad oggi, Varda ha realizzato numerosi lungometraggi e documentari, per i quali ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti, anche nei maggiori festival di Venezia, Cannes e Berlino. Il suo ultimo film, il documentario Visages, villages (Faces Places), realizzato nel
collaborazione con l'artista francese JR, è stato nominato per l'Oscar del 2018 come migliore documentario.
Agnès Varda è stato ospite della Berlinale più volte, incluse quattro volte al Concorso. Nel 1965 ha ricevuto il Gran Premio della Giuria per Le Bonheur. 
La sua visita più recente è stata nel 2004, quando ha mostrato il suo cortometraggio Le lion volatil alla Berlinale Special.
La fotocamera della Berlinale sarà presentata ad Agnès Varda mercoledì 13 febbraio alle 15.30 al Palast di Berlino. Seguirà la prima mondiale del documentario Varda par Agnès di Varda (Varda di Agnès), proiettato fuori concorso nella sezione Concorso.
Il discorso elogiativo sarà tenuto da Christoph Terhechte, che è stato a capo della sezione Forum della Berlinale per molti anni.

Herrmann Zschoche, regista e sceneggiatore (Germania)

Herrmann Zschoche ha avuto un impatto fondamentale sul cinema nella DDR come regista DEFA, sia con i suoi film per bambini e giovani, sia attraverso le sue rappresentazioni cinematografiche critiche della società contemporanea.
Ha iniziato la sua carriera professionale come assistente e operatore di telecamere con l'emittente statale della RDT. Dal 1954 al 1959 ha studiato regia cinematografica alla Hochschule für Film und Fernsehen "Konrad Wolf" (oggi noto come Film University Babelsberg KONRAD WOLF), prima di iniziare a lavorare come assistente alla regia presso gli studi cinematografici DEFA. Ha diretto il suo primo lungometraggio da solista, Das Märchenschloß (Il castello delle fiabe), nel 1961. La critica sociale nel suo dramma del 1965 Karla, per il quale Ulrich Plenzdorf ha scritto la sceneggiatura, ha portato al bando del film e non è stato mostrato al pubblico fino 1990.

Negli anni '70, Herrmann Zschoche iniziò a concentrarsi prevalentemente sui film per giovani, come l'acclamato Sieben Sommersprossen (Seven Freckles, 1978) e Insel der Schwäne (Swan Island, 1983). Nel 2002 ha pubblicato la sua autobiografia "Sieben Sommersprossen und andere Erinnerungen". Dopo la riunificazione tedesca, Zschoche ha lavorato a diverse produzioni televisive, tra cui Tatort, Kommissar Rex (Inspector Rex) e Drei Damen vom Grill. La Camera della Berlinale sarà consegnata a Herrmann Zschoche domenica 10 febbraio alle 11.00 presso la Kino International, seguita da una proiezione speciale della Berlinale del suo adattamento cinematografico del 1991 del romanzo "La ragazza nell'ascensore" (Das Mädchen aus dem Fahrstuhl) . Il discorso elogiativo sarà tenuto da Dieter Kosslick.
Realizzato dall'orefice Georghornemann di Düsseldorf, la fotocamera Berlinale è composta da 128 componenti singoli ed è modellata su una vera macchina da presa.