martedì 29 gennaio 2019

Berlinale 2019: giuria internazionale

(videointervista al direttore) Ancora una volta una giuria internazionale multi talenta deciderà chi porterà a casa i Golden e gli Silver Bears alla Berlinale 2019. 17 film sono in competizione per i premi della Competizione di quest'anno. I vincitori saranno annunciati alla Berlinale Palast il 16 febbraio.

Gli altri membri della giuria sono il critico cinematografico e autore Justin Chang (USA), l'attrice Sandra Hüller (Germania), il regista Sebastián Lelio (Cile), il curatore Rajendra Roy (USA), e il produttore, regista e attrice Trudie Styler (United Regno).
Juliette Binoche (Francia) - Presidente della giuria
Juliette Binoche ha affascinato il pubblico e la critica in oltre 70 film, e ha ottenuto numerosi premi e nomination, tra cui riconoscimenti ai festival di Berlino, Venezia e Cannes. È stata scoperta come talento imminente in Je vous salue, Marie (Hail Mary, 1984) di Jean-Luc Godard, prima di interpretare il suo primo ruolo da protagonista in Rendez-vous (1985) di André Téchiné. La sua svolta internazionale fu
in The Unbearable Lightness of Being (1988) di Philip Kaufman, l'adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo. Da allora ha lavorato a livello internazionale, sia negli Stati Uniti che nelle produzioni europee. La sua collaborazione con Leos Carax, Les amants du Pont-Neuf (The Lovers on the Bridge, 1991), proiettata nel Forum alla Berlinale del 1992. Juliette Binoche ha ricevuto la Coppa Volpi a Venezia nel 1993 per il suo ruolo in Trois Couleurs: Bleu (Tre colori: blu) di Krzysztof Kieślowski, oltre a un César Award nel 1994. Nello stesso anno è stata premiata con la Berlinale Camera. Nel 1997, ha vinto un Orso d'argento alla Berlinale, un BAFTA e un Oscar per il suo ruolo in The English Patient (1996, diretto: Anthony Minghella). Nel romantico melodramma Chocolat di Lasse Hallström (2000), è stata protagonista accanto a Johnny Depp. Nel 2010, è stata premiata come miglior attrice al Festival di Cannes per il suo ruolo da protagonista in Copie conforme di Abbas Kiarostamis (Certified Copy, 2010). Juliette Binoche è apparsa nel film d'apertura della Berlinale del 2015, Nadie quiere la noche (La notte senza fine) di Isabel Coixet. I suoi ultimi film sono High Life (2018) di Claire Denis e Doubles vies (Non-Fiction, 2018) di Olivier Assayas.

Justin Chang (Stati Uniti)
Justin Chang è stato critico cinematografico per il Los Angeles Times dal 2016 e recensisce anche film per i programmi radiofonici pubblici degli Stati Uniti "Fresh Air" e "FilmWeek". È stato in precedenza critico cinematografico presso la rivista internazionale Variety. Chang è l'autore di "FilmCraft: Editing", un libro del 2011 di interviste con 17 tra i migliori editor di film al mondo. È stato recentemente nominato critico cinematografico dell'anno al National Arts and Entertainment Journalism Awards del Los Angeles Press Club, e nel 2014 ha ricevuto il primo premio Roger Ebert dall'African-American Film Critics Association. Chang, che ha conseguito una laurea in giornalismo presso la University of Southern California, è presidente della National Society of Film Critics e segretario della Los Angeles Film Critics Association. Ha fatto parte di numerose giurie in festival cinematografici tra cui Busan, SXSW, San Francisco e Gerusalemme.

Sandra Hüller (Germania)
Dopo aver studiato recitazione alla Ernst Busch University of Performing Arts di Berlino, Sandra Hüller è salito sul palco a Jena, Lipsia e Basilea. La sua svolta sul grande schermo è arrivata con il film Requiem di Hans-Christian Schmid nel 2006. Per questa performance non solo ha vinto l'Orso d'argento alla Berlinale come migliore attrice, ma anche i German e Bavarian Film Awards. Accanto al suo lavoro teatrale, spesso premiato, ha recitato in molti film, tra cui Maria Speth's Madonnen (2007), Nanouk Leopold's Brownian Movement (Berlinale Forum 2011), l'acclamato Über uns das All (Berlinale Panorama 2011), Finsterworld (2013, dir: Frauke Finsterwalder), e Amour Fou di Jessica Hausner (2014). Per il film di Maren Ade, Toni Erdmann, che ha ricevuto un grande successo nel 2016 alla sua prima mondiale al concorso a Cannes, Sandra Hüller ha vinto i premi europei, tedeschi e bavaresi. Nel 2018 con In den Gängen di Thomas Stuber (In the Aisles), partecipa nuovamente al concorso Berlinale e ottiene un'altra nomination per un German Film Award.

Sebastián Lelio (Chile)
Il regista cileno Sebastián Lelio ha attirato la critica per la prima volta con il suo debutto cinematografico, La Sagrada Familia (La famiglia sacra), al San Sebastián Film Festival nel 2005. I suoi due film successivi Navidad (Natale, 2009) e El Año del Tigre (L'anno of the Tiger, 2011) ha confermato il suo talento. Ha celebrato la sua svolta internazionale con Gloria, che ha partecipato al concorso Berlinale nel 2013 e, tra gli altri premi, ha vinto un Orso d'argento per l'attrice protagonista Paulina García. Nel 2017 Sebastián Lelio ha presentato Una mujer fantástica (Una donna fantastica) alla Berlinale Competition e ha portato a casa l'Orso d'argento per la migliore sceneggiatura e il TEDDY AWARD. Il film è andato a vincere un Goya, un Independent Spirit Award, e - come il primo film cileno di sempre - l'Oscar per il miglior film in lingua straniera. Nel 2017, con Disobedience, con Rachel Weisz e Rachel McAdams, Lelio ha fatto anche il suo debutto in inglese; gli è valso cinque nomination ai British Independent Film Awards. Nel 2018, ha ricreato il suo film di successo Gloria negli Stati Uniti. Intitolato Gloria  Bell, interpreta Julianne Moore e John Turturro.

Rajendra Roy (USA)

Rajendra Roy è stato Chief Curator of Film al Museum of Modern Art di New York dal 2007. In questa veste gestisce una collezione di oltre 30.000 opere e ha contribuito a creare mostre su Pedro Almodóvar, Wim Wenders, Tim Burton e Mike Nichols, tra gli altri. È stato coautore del libro "The Berlin School: Films from the Berliner Schule" (2013). È co-presidente del comitato di selezione per New Directors / New Films, presentato alla Film Society of Lincoln Center. In precedenza, è stato direttore della programmazione e direttore artistico per l'Hamptons International Film Festival, nonché l'unico membro americano del comitato di selezione per la sezione concorso Berlinale dal 2004 al 2008. Rajendra Roy ha studiato scienze politiche e letteratura francese presso l'Università di California a San Diego ed è stato membro di numerose giurie, tra cui Sundance, SXSW, l'Accademia delle arti cinematografiche e delle scienze e gli Independent Spirit Awards.
Trudie Styler (Regno Unito)
Dopo essersi allenato alla Bristol Old Vic Theatre School, Styler è diventato un attore principale con la Royal Shakespeare Company, così come i suoi numerosi ruoli televisivi e cinematografici. Nel 1990 è diventata produttrice e il suo documentario Moving the Mountain ha vinto il Premio della giuria ecumenica alla Berlinale del 1995. Styler ha prodotto molti film pluripremiati, tra cui Lock, Stock e Two Smoking Barrels (1998) di Guy Ritchie, Il successo di Dito Montiel al Sundance, A Guide to Recognizing Your Saints (2006); Duncan Jones 'Moon (2009); e Richard Glatzer e Wash Westmoreland, vincitore di un Oscar, Still Alice (2014). Nel 2017 Freak Show, il suo debutto alla regia, ha celebrato la sua prima mondiale nella sezione Generation 14plus della Berlinale. Quest'anno, due dei suoi film della compagnia di produzione Maven Pictures saranno proiettati a Berlino: la sezione Skin in the Panorama di Guy Nattiv; e gli accessi carrai di Andrew Ahn nella generazione Kplus. Styler - ambasciatore dell'UNICEF UK e cofondatore del Rainforest Fund - continua anche la sua carriera di attrice sia sul palcoscenico che sullo schermo, di recente co-protagonista nella serie Manic di Cary Fukunaga del 2018 Netflix.