venerdì 14 settembre 2018

Mara Venier torna in una Domenica in... "a sua immagine e somiglianza" dal 16 settembre su Raiuno

Dopo quattro anni di assenza che ha trascorso a Mediaset, diventando la zia di tutti i ragazzi di “Tu si que vales” e opinionista di “L’Isola dei famosi”, il 16 settembre Mara Venier torna finalmente alla guida di Domenica in su Rai 1.

Sa che troverà una “Domenica in” indebolita ed è per questo che  non si tira indietro e lavora giorno e notte per portarla ai fasti di una volta e soprattutto per far sì che sia un contenitore di svariati argomenti, cavalcando i tempi con  interviste mirate. 
Vuole regalare tre ore e mezzo di allegria ma anche di riflessione al pubblico che la segue. Sarà una Domenica in a sua immagine e somiglianza, ha voluto fortemente inserire alcun cose e se ne prende tutta la responsabilità. Dichiara di sentirsi una miracolata per il suo ritorno in Rai. 
Si è cercato di portare un po’ di empatia tra chi conduce e gli spettatori e sicuramente Mara è la persona più adatta a portare dei valori aggiunti a quello che era il programma. 
Ci sarà un Contest “una canzone per Mara” in cui gli spettatori potranno dedicarle un brano, inviando un video in redazione. La prima puntata di questo spazio sarà condotta da Nino Frassica e poi si alterneranno   altri conduttori, tra cui Flavio Insinna. Saranno tre speciali giudici a decretare il “vincitore” che in realtà non vincerà nulla. Mara Venier sarà uno dei giudici e poi ogni puntata ce ne saranno due diversi. Nella prima, l’affiancheranno Romina Power ed Amadeus.
Ritornerà “il Tabellone” come Momento Nostalgia, sia per ripristinare il rapporto con il pubblico e sia per dedicarlo a Gianni Boncompagni. 
Nello spazio di Storie al femminile, domenica 16 sarà ospite la mamma di Tiziana Cantone.
Alla domanda  di cosa ricordasse della prima Domenica in, con la voce incrinata ha  detto “La spinta che mi ha dato Farizio Frizzi per farmi entrare in studio perché ero stata colta da un attacco di panico”.
Grande Mara, hai subito l’esilio in silenzio, senza mai lamentarti né fare la vittima.
Bentornata tra il tuo pubblico!
Elisabetta Ruffolo