sabato 21 luglio 2018

RICCARDO BETTO, USCITO "SEI" 2° ESTRATTO DA "TRA LA TESTA E IL CUORE"

Un viaggio nell’anima e nel cuore. Una relazione, quella tra l’artista e l’ispirazione, che può trovare un momento di distanza.

Come può succedere in qualsiasi ambito delle relazioni. L’artista, in un primo momento, accetta questo allontanamento perché l’amore vero concede pure la libertà di andarsene, tuttavia non riesce a stare da solo: ecco perché con malinconia si mette in cammino, sente l’esigenza di cercarla, di individuare le sue tracce, di scorgerla nei mattini di foschia, di rincorrerla perché non può stare senza di lei.
L’ispirazione è infatti la sua vita, è tutto ciò che ha e tutto ciò che dà senso al suo esistere e alla sua essenza di artista. Questa ostinata e appassionata ricerca gli permette di incontrarla nuovamente in un ricongiungimento che crea nuove idee, nuove poesie, nuovi spazi di creatività. L’artista ha ritrovato la sua Vita. Se stesso.

GUARDA IL VIDEO DI "SEI"

Riccardo Betto nasce nel 1978.

La famiglia, i campi, gli affetti, le strade, i giochi e gli amici sono diventati palcoscenico, luci, musicisti e interpreti della sua infanzia.

A sette anni inizia a suonare il pianoforte e a quattordici anni scrive la prima canzone.

Negli anni dell’adolescenza si innamora della musica italiana, dei cantautori e in modo particolare del percorso musicale di Claudio Baglioni, che considera il suo maestro e punto di riferimento. Al patrimonio musicale dei cantautori italiani va la sua gratitudine e tutta la sua ispirazione.

Solamente dopo i venti anni inizia a far ascoltare le sue canzoni, mentre cresceva la fiducia e l' autostima, convinto che prima o poi alcune di quelle canzoni sarebbero diventate le protagoniste di un sogno, un sogno rimandato tante volte e che ha trovato numerose battute d’arresto.

La natura, i profumi, i sentimenti, il creato, il mondo degli animali e relazioni significative lo aiutano a recuperare un linguaggio creativo che aveva smarrito nel tempo così, dal 2013, vive anni straordinari di creatività a livello di musica, scrittura e sogni. Il periodo sicuramente più fertile e fecondo. Non meno difficile.

Anni descritti proprio nei brani del suo album, "Tra la Testa e il Cuore" in cui si trovano il mondo, il tempo, l’intimità, la magia, la poesia, la tensione e le notti vissute. Ci sono i movimenti del cuore, della semplicità, il rischio complesso ma affascinante delle relazioni vissute nella autenticità e nel tentativo della profondità, c’è un percorso intimo e personale dentro sé stessi, nella ricerca del vero Sé e dell’Assoluto.

C’è inoltre il gioco leggero e commosso, il senso di magia e di stupore tipico dei bambini che imparano a conoscere con gli occhi, con le sensazioni, con le mani, con l’ascolto, con la fiducia.

Le canzoni parlano della vita sotto le diverse sfaccettature e che spesso è la compagna con la quale maggiormente si litiga e ci si arrabbia, ma che inesorabilmente si ama in modo viscerale.


www.sorrymom.it