giovedì 12 luglio 2018

Libri, Il senso della colpa di Daniel di Benedetto, noir che sconvolge e fa riflettere. La recensione

Casa Editrice Dark Zone
Noir intriganti noir appassionanti venite a me ðŸ˜‰
Bentornato alla scoperta dei libri dell'estate, ferie? Vacanze? Neanche per sbaglio, mica posso smettere di leggere io eh? Non se ne parla... 
Daniel è un'anima bella che sta scoprendo quanto scrivere gli piaccia ma quanto soprattutto gli riesca bene, uno spirito impavido che riesce a trasferire ciò che lui sente sia nei personaggi che a noi lettori, direte facile no? Ed invece lo è perché sfido chiunque a mettersi a nudo ed in gioco e ad essere compreso o incompreso...
Senso di colpa, ne vogliamo parlare? Quando senti quella morsa allo stomaco che ti attanaglia, quando rifletti sul fatto che potevi o dovevi fare qualcosa o forse non fare nulla, indeciso tra due impervie alla pari...voi vi siete mai sentiti così? Io sì ma questa non è la mia storia...è quella di: Anna e del maresciallo Occhipinti del loro legame mai sbocciato, dell'infanzia di lei all'insegna di genitori assenti e poco affettuosi. Potreste dirmi che sia una storia come tante, vista e rivista, ma è proprio questa familiarità a toccarci nel profondo. Tutti potremmo narrare delle favole e dell' happy ending, ma la verità è che la maggior parte delle volte la vita è tosta e non ci fa sconti, non importa quanto ci sforziamo il destino va aiutato...il destino va alterato...
Cosa accade invece se molliamo tutto se decidiamo di posticipare le scelte importanti, pensando di avere sempre tempo, tanto tempo...nel frattempo cresciamo, incontriamo qualcuno, tanti o nessuno e nel frattempo cambiamo, ci perdiamo, sorvolando o forse ignorando cosa davvero contava.
Beh accade che perdiamo chi amiamo e a colmare quel vuoto restano solo tanti: potevo e dovevo...
Beh troppo facile no? Io sbaglio ed è colpa tua che non mi hai avvisato, troppo comodo davvero addossare le colpe sugli altri come se noi fossimo incapaci di intendere e di volere...
Perché scegliere è difficile e prendersi cura di se stessi anche di più...Anna e Giuseppe una giovane che non sa decidere tra giusto e sbagliato ed il suo amico di sempre  che si ritrova a fare tutto per lei, colmando i casini che combina. L'incoscienza contro un forte senso di protezione,  2 limiti, due paradossi per un unico destino crudele.
Lo stile di Daniel colpisce per la schiettezza con cui descrive le scene i personaggi e ciò che provano, descrizioni precise mirate che ti trasportano dentro la storia come se fossi lì presente. Emozioni forti che ti travolgono cui è difficile resistere...
Un noir che sconvolge e fa riflettere su quanto la vita sia un dono e su quanto le opportunità non vadano sprecate ma vissute...
Buona lettura

Cristina Pace