giovedì 7 giugno 2018

GUIA JELO, SPECIAL GUEST DI PASSIONI SENZA FINE 2.0

Passioni Senza fine 2.0, l’unica e prima  web soap opera italiana  che recupera i radiodrammi di un tempo attraverso internet, nata da una sceneggiatura originale di Giuseppe Cossentino, si avvale di  un’altra importante partecipazione straordinaria, dopo l’attrice Emanuela Tittocchia e l’attore Lorenzo Patanè arriva una nuova special guest star,  una grande interprete e signora del palcoscenico italiano, volto noto della tv e del cinema, la vulcanica e poliedrica  attrice Guia Jelo.

La Jelo, darà voce a Cetty Quagliarulo, sorella di Ginevra ( Maria Rosaria Virgili) e sarà protagonista di una storia altamente drammatica dove Guiacon una straordinaria interpretazione darà vita ad un’escalation di emozioni.  Cetty è un personaggio chiave ed importante che porta con sé, un grande segreto del passato che si scoprirà soltanto nel finale della serie.

Guia Jelo è un’attrice di origini siciliane, nata a Catania, molto popolare, con esperienze in campo nazionale sia in teatro, che cinema e televisione, con ruoli da coprotagonista, antagonista e caratterista. Scoperta da Turi Ferro, si è formata al Teatro Stabile di Catania, negli anni settanta col maestro Giuseppe Di Martino e al Piccolo di Milano con Giorgio Strehler.
Nel cinema debutta agli esordi con Pasquale Squitieri a fianco di Claudia CardinaleMichele Placido e Giuliano Gemma in “Corleone” e con Marco Ferreri a fianco di Roberto Benigni in “Chiedo Asilo”. Ha recitato come interprete di film verità come Ragazzi fuori di Marco Risi, e La scorta di Ricky Tognazzi.
Ha partecipato al festival di Cannes nel 1994, in terna candidata, alla Palma d’oro, per il film Le buttane di Aurelio Grimaldi, con il quale ha girato svariati film da protagonista. In televisione ha partecipato  a Fiction come La Piovra 9, Il Commissario Montalbano e Incantesimo 8, La vita rubata, Agrodolce, Il sangue e la rosa, L’onore e il rispetto, Io non dimentico, Io ti assolvo, Don Matteo e tante altre. Come  attrice è stata apprezzata anche da registi come Giorgio Strehler, Lamberto Puggelli e Walter Manfrè.   Guia è un’attrice completa,  passa dal brillante al puro dramma  emozionandoti  sino ad arrivare a toccare le corde più segrete del cuore. Un’intensità  espressiva forte ed un’ interpretazione unica ne fanno una strepitosa regina del palcoscenico.
Insomma, un motivo in più per ascoltare la serie firmata da Giuseppe Cossentino, quest’anno vincitrice di un altro oscar del web ai Rome Web Awards come miglior sceneggiatura drammatica, dopo ben tre Oscar del Web, vinti nelle precedenti edizioni come Miglior Web Soap che fanno di questo  prodotto un piccolo gioiello su scala internazionale.