lunedì 16 aprile 2018

Segnalibro, Marco Rizzo a Fattitaliani: ne "Lo scirocco femmina" l'amore-odio per la mia Sicilia. L'intervista

“Lo scirocco femmina” è il primo romanzo del giornalista e sceneggiatore Marco Rizzo, con una copertina inedita di Alice Milani.  Fattitaliani lo ha intervistato per la rubrica "Segnalibro".

Quali libri ci sono attualmente sul suo comodino?
Il bellissimo Le assaggiatrici di Rosella Postorino (Feltrinelli), che sto finendo, e La gente - Viaggio nell’Italia del risentimento di Leonardo Bianchi (Minimum Fax), che ho a metà. Poi l’ultimo Dylan Dog e un mucchio di fumetti Marvel.
L'ultimo "grande" libro che ha letto?
La ferrovia sotterranea di Colson Whitead, quello che credo si potrebbe definire un Instant classic.
Chi o cosa influenza la sua decisione di leggere un libro? 
Consigli di persone e testate fidate, passaparola di amici… e le dritte della mia libraia di fiducia.
Quale classico della letteratura ha letto di recente per la prima volta?
Un po’ me ne vergogno, ma non avevo mai letto I sette pazzi di Artl, ho rimediato un paio di anni fa.
Secondo lei, che tipo di scrittura oggi dimostra una particolare vitalità?
I fumetti, o il filone delle graphic novel se vogliamo guardare al mercato delle librerie, stanno vivendo un buon momento in termini di attenzioni, vendite e qualità media.
Personalmente, quale genere di lettura Le procura piacere ultimamente?
Ricostruzioni storiche romanzate con sapienza, come Paradise Sky di Lansdale (divorato in tre giorni) o Le assaggiatrici, appunto, mi appassionano sempre tanto.
L'ultimo libro che l'ha fatta sorridere/ridere? 
Il papà di Dio di Maicol e Mirco, letto un annetto fa. La cinica malinconia filosofica del finto duo mi fa sorridere spesso.
L'ultimo libro che l'ha fatta commuovere/piangere?
Una storia di Gipi, il perché non lo dico, bisogna leggerlo.
L'ultimo libro che l'ha fatta arrabbiare? 
La fine della ragione di Roberto Recchioni e il succitato La gente: interpretano bene (in modi molti diversi tra loro) il contemporaneo, e il contemporaneo spesso mi fa incazzare.
Quale versione cinematografica di un libro l'ha soddisfatta e quale no?
Ready Player One è la dimostrazione di come un adattamento possa persino migliorare un libro, cambiandolo con rispetto e intelligenza. L’ultimo It, anche se è solo metà dell’opera, dimostra invece come certi adattamenti possano far perdere a un libro tutta la sua carica eversiva e profondità.
Quale libro sorprenderebbe i suoi amici se lo trovassero nella sua biblioteca?
50 sfumature di gradazioni varie.
Qual è il suo protagonista preferito in assoluto? e l'antagonista?
Arthur Dent della Guida Galattica, Tyrion Lannister, Amleto e il Winston Smith di 1984. Un bel miscuglio, lo so. Per i “cattivi”, pochi possono eguagliare in fascino e profondità quelli dei fumetti, come il Joker o il Dottor Destino. 
Lei organizza una cena: quali scrittori, vivi o defunti, inviterebbe?
Adriano Sofri e Sciascia per l’intelligenza, Francis Scott Fitzgerald e Bukowski perché ci si diverte. E Camilleri perché mi piacerebbe sentirlo dialogare con Sciascia, però deve fumare fuori.
Quale scrittore vorrebbe come autore della sua biografia? 
Mia mamma, sarebbe certamente più generosa di chiunque altro. Altrimenti Lansdale, sperando sappia trasformarla in qualcosa di avventuroso e divertente.
Che cosa c'è di Marco Rizzo in "Lo scirocco femmina"?
Il mio amore e il mio odio per la mia Sicilia, un po’ di ossessione-compulsione in un personaggio, di spirito di ribellione in un altro, di moralità in un altro ancora, e di professione nel protagonista, che è un giornalista. Giovanni Zambito.
©Riproduzione riservata
Ritrova qui le altre puntate di Segnalibro 
Prossime date di presentazione
Venerdì 20 aprile, ore 18:00
MARSALA
Complesso del Convento Del Carmine Marsala
(con Daniele D'Eletto e Roberta Pulizzi)
In collaborazione con
Libreria Mondadori di Bilardello Alfredo

Domenica 22 aprile, ore 19:00
CATANIA
Libreria Vicolo Stretto
(con Rosa Maria Di Natale)

Venerdì 11 maggio, ore 18:00
TORINO
Biblioteca Civica Centrale - Torino Unofficial
(con Mario Greco e Federica Tourn)
In collaborazione con
Cooperativa Letteraria

IL LIBRO
Fosco è un giornalista precario, incastrato dalla vita nella provincia siciliana a tenere in piedi un giornale locale senza molte speranze. Le notizie, però, bussano alla sua
porta quando un suo amico, un anziano intellettuale, viene trovato incaprettato in casa. Che ci sia la mano della mafia? Oppure, come si dice tra i vicoli, quella morte è il triste risultato di un gioco erotico finito male? In una Trapani fatta di incroci d’interessi occulti e campagne dove gli immigrati vengono sfruttati in modi inimmaginabili, Fosco si troverà a indagare accompagnato da un bizzarro trio: un carabiniere, un libraio e la figlia ribelle di un senatore.


L'AUTORE
Marco Rizzo (Erice, 1983). Giornalista e sceneggiatore, ha scritto graphic novel su Peppino Impastato, Ilaria Alpi, Mauro Rostagno, Che Guevara e Marco Pantani per Beccogiallo e Rizzoli. Autore di saggi e inchieste, ha collaborato tra gli altri con “La Lettura” e “Wired” e firmato le “fiabe di impegno civile” La mafia spiegata ai bambini, L’immigrazione spiegata ai bambini e L’ecologia spiegata ai bambini (Beccogiallo). Di prossima pubblicazione una storia di Dylan Dog e il reportage a fumetti Salvezza per Feltrinelli.
COLLANA: RIMMEL
pp. 124 - € 12,90 - ISBN 978-88-98451-95-1