martedì 10 aprile 2018

Libri, Cristiana Meneghin e "Ananke. Le gemme dell'Eubale". La recensione di Fattitaliani

Buon pomeriggio e ben trovati it is Rece Time oggi con me miss Cristiana Meneghin vi racconterò del suo fantastico romanzo con la casa editrice Lettere animate" e poi mi direte la vostra 😉.

Vediamo un po'... ho troppo da dire aiutatemi!!!
  1. La sinossi non le rende giustizia…aprite e leggete 😉
  2. I membri delle famiglie dei protagonisti sono “lievemente” invasivi ed a tratti stronzottoli come nelle migliori famiglie accade.
  3. La protagoniste femminile è una di noi con le sue certezze e debolezze ha un cuore un‘anima e a quanto pare dei bellissimi ormoni vivi 😉
  4. Il protagonista maschile, forte, imperfetto, antipatico ma dotato di sentimenti è anche lui indeciso tra ciò che deve fare e ciò che dovrebbe fare.
  5. La storia è fluida, non ci sono punti vuoti, tutte le vicende sono perfettamente incastrate fra loro, non ti perdi mai.
  6. Quando divaga poi torna al punto senza annoiarti e soprattutto senza che il filo centrale della storia ne risulti penalizzato.
  7. Ci sono diversi personaggi che arricchiscono la trama, niente è lasciato al caso.
  8. Lo stile è pulito, perfetto, ironica, sagace, frizzante, la Meneghin ha creato dei dialoghi che divertono coinvolgono, ti rapisconoooooo.
  9. Gli elementi fantastici che ha inserito sono del tutto innovativi non visti.
Vi ho convinto? beh non ho ancora finito…
Guardate anche qui ;)
Il romanzo colpisce per l’intensità dei personaggi che oltre a essere ben strutturati interagiscono fra loro con una sinergia che non è da tutti saper creare…
Poi i temi inseriti che spaziano dal fantastico al sociale, ti lasciano degli spunti di riflessioni non indifferenti, poi un po’ di sesso non guasta mai…ma è trattato in maniera così elegante che lo vivi in maniera molto naturale e non come una forzatura 😉
Ma la cosa che mi ha colpito maggiormente è stata la sovrapposizione, il mix, tra gli elementi reali come la desertificazione, la radioattività e i territori devastati, la bonificazione dei terreni,  contro loro che con dei poteri magici provvedono a fare rifiorire la vita, dove la madre terra non era  riuscita.
O ancora l’andare a lavoro, all’università in discoteca in auto, per poi vedere i protagonisti volare a bordo dei loro fieri compagni Sheen…
Per molti lettori questa cosa potrebbe essere un’aberrazione e invece nooooooooooooo il tutto risulta molto concreto proprio perché mixato agli elementi fantastici.
I protagonisti affrontano un intenso percorso di crescita che li porterà a trovare il loro posto del mondo al di là delle scelte giuste o sbagliate fatte.
Ananke mi ha fatto riflettere su tante cose, si spende così tanto tempo a giudicare gli altri ed ad etichettarli quando invece si dovrebbero dare delle chances a sé stessi,  ma soprattutto anche agli altri e vedere un attimo che succede…
Vi dico solo  che io voglio Un Hartox ed Uno Sheen ma non vi dirò cosa sono o a che cosa servono 😉
A presto perché arriva il seguito eh…
Cristina Pace



Link di riferimento.