domenica 11 marzo 2018

Sfida di hockey in carrozzina per i ragazzi della Uildm, al Palamangano di Palermo

Quinta di campionato per i Red Cobra: l’incontro di weelchair hockey (hockey in carrozzina) contro gli Skorpions Varese.

di Joey Borruso - Si è disputata ieri, 10 marzo, al Palamangano di Palermo a partire dalle ore 15,30 la quinta giornata del Campionato Nazionale Serie A1 di Wheelchair Hockey - Girone B, che ha visto protagonisti i Red Cobra, squadra palermitana di hockey in carrozzina, contro gli Skorpions Varese.
L’incontro era molto importante per la classifica, che vedeva gli Skorpions Varese, staccarsi di soli tre punti per il secondo posto. Di contro, i Red Cobra erano reduci da una convincente e netta vittoria nel derby siciliano con i Leoni Sicani (9-2), pertanto per i palermitani era molto forte la speranza e la voglia di restare nelle posizioni più alte della classifica. 
Gli atleti dalla maglia rossa, guidati da mister Marcello Cacioppo, hanno messo forza e grinta per non deludere i loro calorosi tifosi e la partita è stata molto emozionante: i Red Cobra, che erano in svantaggio fino a pochi minuti dalla fine, sono riusciti a portare a casa un pareggio grazie ai goal del loro capitano Giovanni D’Aiuto. 
“La nostra associazione, che vanta 300 iscritti a livello regionale, si occupa anche del trasporto disabili - racconta l’allenatore dei Red Cobra, Marcello Cacioppo - per visite mediche e quant’altro. Presso l’ospedale Cervello di Palermo abbiamo stanze adibite alla cura dei pazienti affetti da distrofia muscolare seguiti dalla dottoressa Grazia Crescimanno. I ragazzi che frequentano l’associazione – continua – sono impegnati in laboratori teatrali, di ceramica o pittura: cerchiamo di tenerli occupati ma soprattutto farli sentire integrati nella società. Poi abbiamo la parte sportiva appunto il Weelchair hockey in carrozzina elettrica. Si gioca 5 contro 5. Chi può utilizzare gli arti superiori utilizza la mazza chi invece non può utilizzare le braccia gioca con un attrezzo chiamato tstick posto davanti alla carrozzina”.