venerdì 23 marzo 2018

Femminicidi, 21 casi in meno di 3 mesi, uccisa una donna ogni 60 ore: primi dati del 2018

Sabato pomeriggio  porteremo altre due bambole al Wall of Dolls di  Milano per Laura Petrolito uccisa  con 7 coltellate  poi  gettata in un pozzo artesiano  dal marito, e per  Imma Villani uccisa davanti alla scuola a Terzigno (Na).
La natura di questi delitti, descrivono come ormai questi omicidi siano premeditati  e non più folli raptus. Uomini che pensano ed organizzano con lucidità le uccisioni delle loro mogli , fidanzate, compagne.
Da quando è nato, cinque anni fa, il Wall of Dolls - il  Muro delle Bambole,  sono circa 600 le donne vittime di femminicidio, una strage.
Abbiamo chiesto più volte in questi anni ai vari ministri, di agire con un intervento culturale nelle scuole fra i giovani, abbiamo chiesto anche di rafforzare i centri antiviolenza  per aiutare le donne maltrattate.   Non abbiamo ricevuto risposte.
Noi continueremo con le nostre iniziative pubbliche in strada, affinché tutti vedano,  per non dimenticare e non abituarci al prossimo femminicidio.
Sabato 24 marzo H. 16 appuntamento al WALL OF DOLLS in via De Amicis 2 Milano
Jo Squillo e le Associazioni  di Wall of Dolls contro la violenza sulle donne