venerdì 30 marzo 2018

Barberini, in digital download il 1° album della cantautrice romana Barbara Bigi

Esce oggi in digital download l’album d’esordio omonimo (Frivola Records) di Barberini, pseudonimo della cantautrice romana Barbara Bigi. Il disco è stato anticipato dal video “Le Cabriolet”, con la regia di Fabio Capalbo (l’attrice è Rita Capecchi):https://youtu.be/DQZNVNhNvtI

“Barberini”, cantato in italiano, si distingue per il suo dream-pop, lisergico ed evocativo. Tra atmosfere lo-fi, riverberi e ambienti dilatati, la voce, quasi sussurrata, torna su temi ricorrenti come il tempo e lo spazio; ma anche il cinema, gli schermi, la tecnologia. Il disco, figlio dei nostri giorni, è fatto di immagini: istantanee su mondi diversi, a volte vicini e terreni, a volte lontani o surreali. Che convivono in un unico universo fatto di grandi domande e piccole cose.

È composto da 9 brani, da immagini che fotografano temi diversi, come un’amore destinato a sparire per colpa della fine del mondo(“L’Ultima Notte”) a lunghe domeniche da riempire di leggerezza (“Le Balene”)“Le Cabriolet” è unita dal filo sottile del tempo che passa a “Chiacchiere da Bar”, una dedica all’età adulta con uno sguardo critico verso la giovinezza e la spensieratezza che la accompagna. Il disco prosegue con “Le Produzioni di Hollywood”, “Vorrei” e “Spku” che immagina l’abbandono dei social network come un seppuku dei nostri giorni, gesto estremo per sfuggire a una fine disonorevole. Gli ultimi due brani sono “Astronavi”l’unica vera canzone d’amore del disco (dimensioni parallele, realtà infinite e nuove percezioni dello spazio-tempo) e Titoli di Coda”una piccola traccia dai toni sognanti, che torna nel mondo cinema per chiudere il disco con un lieto fine.

Tutte i brani sono di Barberini (ne "Le Balene" il co-autore è Giuseppe Ammirati), così come tutte le fotografie all'interno del disco. Produzione, arrangiamenti, missaggio e registrazione sono di Filippo Dr. Panìco, che ha suonato i synth, le chitarre elettriche e acustiche (tranne l’acustica in “Le Balene”), il basso in “SPKU” e le percussioni, e programmato la batteria in “SPKU” e “Chiacchiere da Bar”. Barberini ha suonato il pianoforte in “Astronavi”, “Le Produzioni di Hollywood” e “Titoli di Coda”. Marco Mirk ha suonato la batteria in“L’Ultima Notte”, “Le Balene”, “Le Cabriolet” e “SPKU”. Giuseppe Ammirati ha suonato il basso, i synth e le chitarre in “Le Balene”.Glauco Strina ha suonato il basso in “L’Ultima Notte” e “Le Cabriolet”.  Mastering di Massimiliano Lotti.

Barberini è nata e cresciuta a Roma. Da piccola prende lezioni di pianoforte, poi smette e ricomincia 15 anni dopo con l’idea di scrivere canzoni. Dal 2007, vive tra Roma, Parigi e Amburgo. Nel 2015 torna stabilmente a Roma e decide di scrivere in italiano dopo l’incontro con l’amico e cantautore Marco Catani (Carpacho!).Tre anni dopo pubblica il suo disco di esordio, arrangiato e prodotto da Filippo Dr Panìco.