lunedì 29 gennaio 2018

Il malore di Giletti e la nostra Super-Sanità

Leggo che Giletti "si è sentito male in trasmissione ed è stato portato al pronto soccorso Umberto I di Roma dove è stato raggiunto dal medico curante, in accordo con il quale è stato deciso di ricoverarlo per la notte". 

E poi c'è chi dice che nei nostri ospedali se non sei da estrema unzione rischi di passare la notte su una sedia, e col cavolo che di domenica riesci a contattare il tuo medico curante, e col bis-cavolo che, se ci riesci, si precipita da te, e col tris-cavolo che "in accordo con lui" ti ricoverano per una notte.
Siete sempre a parlare male della sanità, voi. 

Carlo Barbieri

Ritrova qui gli articoli di Carlo Barbieri
Carlo Barbieri è uno scrittore nato a Palermo. Ha vissuto a Palermo, Catania, Teheran, il Cairo e adesso fa la spola fra Roma e la Sicilia. Un “Siciliano d’alto mare” secondo la definizione di Nisticò che piace a Camilleri, ma “con una lunga gomena che lo ha sempre tenuto legato alla sua terra”, come precisa lo stesso Barbieri. Scrive su Fattitaliani, Ultima Voce e Malgrado Tutto, testata a cui hanno collaborato Sciascia, Bufalino e Camilleri. Ha pubblicato fra l’altro le raccolte di racconti “Pilipintò-Racconti da bagno per Siciliani e non” e "Uno sì e Uno no" (D. Flaccovio Editore); i gialli “La pietra al collo” (ripubblicato da IlSole24Ore) e “Il morto con la zebiba” (candidato al premio Scerbanenco 2015), ambedue con Todaro Editore ; "Il marchio sulle labbra" (premiato al Giallo Garda), "Assassinio alla Targa Florio" e "La difesa del bufalo, tutti e tre con D. Flaccovio Editore. Suoi scritti sono stati premiati al Premio Internazionale Città di Cattolica, al Premio di letteratura umoristica Umberto Domina, al Premio Città di Sassari e al Premio Città di Torino. I suoi libri sono reperibili anche online, in cartaceo ed ebook, su LaFeltrinelli.it e altri store.