martedì 2 gennaio 2018

Concerto di Capodanno con “Gerardo Di Lella Grand O’rchestra” e Roma Caput Musicae 2018

Un successo annunciato per l’eclettico Maestro Gerardo di Lella e la sua “Gerardo Di Lella Grand O’rchestra” per il “ROMA CAPUT MUSICAE 2018” il concerto di Capodanno di Roma, che si è svolto, il 1° gennaio, nella Sala Santa Cecilia dell’Auditorium Parco della Musica. Giunto oramai alla sua quarta edizione, è divento un appuntamento imperdibile per i romani.

Ben settantuno i musicisti professionisti che hanno composto quest’anno l’orchestra per l’evento sostenuto e patrocinato dalla Camera di Commercio di Roma e Assemblea Capitolina e dalla Regione Lazio, Camera di Commercio di Roma e Assemblea Capitolina. Un omaggio interamente rivolto alla musica del cinema italiano con quelle più belle che lo hanno reso eterno e famoso nel mondo.
Il taglio di nastro ed il via al concerto di Gerardo di Lella è avvenuto sulle musiche dell’Inno Nazionale Italiano con la standing ovation degli ospiti che lo hanno anche cantato insieme ai componenti dell’orchestra. Subito dopo un omaggio al Maestro Bacalov, da poco scomparso, con le musiche de “Il postino” per cui fu premiato con l’Oscar.
Tantissimi gli ospiti Vip che hanno affollato il parterre dell'Auditorium, tra cui Franco Nero a cui il maestro ha dedicato un pezzo in cui proprio l’attore era protagonista, ovvero Django, film diretto nel 1966 da Sergio Corbucci  e che rese Franco Nero noto a livello internazionale. In Platea nelle prime file anche Pippo Franco, Corrado Augias, Lando Buzzanca, Dario Salvatori, Adriana Russo, Nicola Pietrangeli, Gloria Paul, moglie del maestro Piero Piccioni ed il figlio Jason Piccioni, cui Di Lella ha dedicato una parte del concerto ricordando, non senza emozione, come fu proprio Piero Piccioni che lo avvicinò al mondo della musica del cinema. In sala tantissimi altri nomi noti della movida romana tra cui la giornalista ‎Marlene Loredana Filoni, Riccardo Bramante, la gallerista Sabina Tamara Fattibene e la pittrice Ester Campese e molti altri ancora.
Nel proseguo del concerto Gerardo Di Lella ha fatto gustare al gremitissimo auditorium le musiche composte per i film italiani da Nino Rota tra cui alcuni brani tratti da “La strada” film del 1954 diretto da Federico Fellini, ma anche dal Padrino per il capolavoro di Francis Ford Coppola con Marlon Brando, e alcuni  brani tratti da Amarcord di Fellini. Omaggio a Trovajoli ma anche una parte ampiamente dedicata al maestro Morricone con brani tratti da Malena, da “The Mission Main” con il bellissimo "Tema per oboe" e ancora “C’era una volta il west”, “Il clan dei Siciliani” e “Nuovo Cinema Paradiso”.
Per Piovani tra i brani che il maestro Di Lella ha scelto per il concerto di capodanno anche “La vita è bella” film del 1997 diretto e interpretato da Roberto Benigni. Stupenda anche la musica di More tratta dal film “Mondo Cane” del maestro Riz Ortolani. L’omaggio di Gerardo Di Lella per il maestro Stelvio Cipriani, che avrebbe dovuto essere presente in sala, ma che non ha potuto presenziare per motivi di salute, è stato con le musiche realizzate per il film “Anonimo Veneziano”.
Un ampio omaggio a Piero Piccioni con le musiche che hanno sottolineato anche tante interpretazioni di Sordi tra cui “Il Prof. Dott. Guido Tersilli primario della clinica Villa Celeste” o “Un italiano in America” con il brano Amore, amore, amore, dal film Fumo di Londra “Breve Amore”, “Finché c’è guerra c’è speranza”, “Il Tassinaro”. Infine anche il brano della romanità intera di Alberto Sordi “E và E và”, scritta da Mattone e Migliacci e che Sordi portò al successo cantandola ad un Sanremo, quello del 1981 esattamente, ai più è forse più nota come  “Te c’hanno mai mannato a quel paese”.
In chiusura l’ottimo Gerardo di Lella ha presentato ad uno ad uno tutti i componenti dell’orchestra e si è poi intrattenuto affabilmente con tutti coloro che si accalcavano per salutarlo e dargli gli auguri.
Ester Campese