domenica 10 dicembre 2017

Manager? Sì ma del settore pubblico, per favore

Leggo l’articolo di un americano che sa il fatto suo. Il pezzo, ben supportato da cifre e casistica, parte da una notizia: la vita media delle aziende private, che una volta era di una cinquantina d’anni, si è progressivamente ridotta fino alla ventina dei giorni d’oggi, e presto sarà di dieci. 

Il motivo? L’incapacità del management di adeguarsi velocemente a cambiamenti sempre più rapidi e rivoluzionari, ma soprattutto l’incapacità di causare quei cambiamenti che, in un mercato sempre più difficile, assicurano la sopravvivenza e, possibilmente, la crescita.
Secondo lui, i top manager di moltissime aziende ben consolidate si aspettano che le nuove idee vengano dall’interno; però poi non ne stimolano adeguatamente la nascita e, a quelle che vengono comunque alla luce, oppongono una elevata “viscosità” che ne ostacola la realizzazione. 
Il giornalista conclude invitando i manager delle aziende a coltivare una sana ansia che li aiuti a cogliere i cambiamenti esterni e a favorire la nascita di nuove idee; quando possibile, delegandone addirittura la produzione a strutture satelliti “fuori dal palazzo”, piccole, agili e svincolate da ogni burocrazia. Uffici informali con giovani creativi che girano in maglietta e magari in pantofole, non in giacca e cravatta. 

L’articolo mi piace anche perché – confesso l’umana debolezza – riprende, in modo aggiornato e circostanziato, qualcosa che ho sempre detto ai miei collaboratori: “Fate attenzione ai manager che hanno fatto grandi cose, perchè a un certo punto molti di loro diventano un pericolo per il futuro dell’azienda: si illudono di avere trovato la formula giusta e immutabile del successo e perdono interesse nell’innovazione. Quando un’idea radicalmente nuova è proposta da altri, tendono a ignorarla, e talvolta ne sono persino infastiditi come se fosse un attacco alla loro gestione. Ricordatevelo: il successo è un bersaglio mobile”. 

Non mi sorprende perciò affatto che tante aziende ritenute incrollabili declinino, spiazzate da altre che, affamate e capaci di pensare fuori dagli schemi, cambiano le regole del gioco o scoprono/creano nuovi bisogni del mercato da soddisfare. 
Dopotutto è quello “Stay hungry, stay foolish” che è il cuore del famoso discorso di Steve Jobs agli studenti dell’Università di Stanford.

Mi sorprendo a sorridere. Un sorriso amaro, in realtà, perché mi sono venuti in mente i responsabili della cosa pubblica, quei politici e dirigenti che dovrebbero concepire e  realizzare i piani per il futuro della nostra società. 
Quanta dfferenza con i manager del settore privato...
Nelle aziende veramente private (quelle in cui non intervengono coperture politiche, per intenderci) i manager sono uomini che pur avendo dimostrato il loro valore, sanno che non si potranno mai sedere comodi sul proprio successo, perché sotto c’è una botola pronta a inghiottirli al primo grosso errore. Gente che deve essere brava ogni giorno, di nuovo e di più; e che per riuscirci deve sapere ascoltare molto, incoraggiare le nuove idee e accettare il fatto che i cambiamenti, anche se non piacciono, sono parte della vita di una azienda – e di un manager – che vuole continuare a crescere. 
Nella gestione della cosa pubblica impera al contrario la versione in negativo del manager privato. 
Un esercito di persone che – non sempre, ovviamente, ma troppo spesso – invece di successi producono disastri. Dalla sanità alla viabilità, dalla gestione dei rifiuti ai trasporti e all’acqua potabile, dai rapporti con il contribuente alla manutenzione di ville e giardini, al problema dei parcheggatori e commercianti abusivi. Gente che mostra candido stupore o si arrampica sugli specchi tutte le volte che Striscia la Notizia, Le Iene o la Magistratura scoprono loro collaboratori che strisciano il badge di decine di colleghi (ma come fanno a non accorgersi di tante assenze?). O che tiene un impiegato disabile a rigirarsi i pollici a rischio di un esaurimento nervoso nonostante le sue suppliche perché gli sia dato qualcosa da fare. Oppure responsabile della costruzione, con i nostri soldi, di costosissime strutture mai terminate o, peggio, ultimate e lasciate in pasto ai vandali. O che non riesce a spendere miliardi di fondi messi a disposizione dall’Unione Europea.
Insomma, dirigenti che non dirigono o dirigono male, responsabili-non responsabili che un normale datore di lavoro avrebbe già licenziato e che invece prosperano, praticamente intoccabili, a spese di Stato/Regioni/Comuni. E quindi – lo sappiamo, ma non è male ricordarlo – a spese nostre. Persone sedute ben comode su poltrone sotto le quali non c’è alcuna botola pronta ad aprirsi, perché nessuno li punisce, anzi spesso godono di premi e incentivi di fatto svincolati dai risultati (da quelli veri). Gente che ha capito benissimo che essere bravi non serve: nessuno lo pretende, quindi al diavolo la “sana ansia”, al diavolo l’ascolto, al diavolo le nuove idee. Quanto agli scomodissimi cambiamenti, solo i pazzi li desiderano, e loro pazzi non sono. 
Certo, in questo modo uno Stato, una Regione, un Comune non solo non può stare al passo con i tempi, ma non riesce proprio a funzionare; e quindi i cittadini amministrati, oltre a vivere male, si trovano privati di vere opportunità di crescita. Il lavoro diminuisce, e i giovani più scolarizzati che, grazie all’aiuto dei genitori, o perché decidono di sobbarcarsi altri sacrifici, possono andarsene, se ne vanno; fra chi rimane, pochi fortunati si “sistemano” all’interno di attività di famiglia o di amici, o acchiappano un posto dignitoso nel settore pubblico; pochi altri riescono a trovare una occupazione decente nel privato. Ma una grande quantità di ragazzi, quelli che non hanno l’opportunità o il coraggio di andarsene, né la fortuna di una attività di famiglia né quella di “vincere” un posto pubblico né di trovare, o inventarsi, una attività nel privato che gli consenta di vivere, rimangono a subire la situazione: sono  i disoccupati, i precari e i sottopagati, che fanno la fine dei pesciolini in un acquario in cui le mani che versano l’acqua e il mangime sono sempre meno generose. Per loro c’è solo la disperazione immediata o, nel frequentissimo caso in cui ricevano un aiuto economico dai genitori, differita a quando questi non ci saranno più. 

Ma questi sono problemi che non toccano chi li ha causati: perché se nel settore privato – e ribadisco: veramente privato  – i manager che non producono i risultati per cui vengono pagati, vengono licenziati, nel pubblico questo non succede. 
Una bella fortuna.

Manager? Sì ma del settore pubblico, per favore.

Carlo Barbieri

Ritrova qui gli articoli di Carlo Barbieri

Carlo Barbieri è uno scrittore nato a Palermo. Ha vissuto a Palermo, Catania, Teheran, il Cairo e adesso fa la spola fra Roma e la Sicilia. Un “Siciliano d’alto mare” secondo la definizione di Nisticò che piace a Camilleri, ma “con una lunga gomena che lo ha sempre tenuto legato alla sua terra”, come precisa lo stesso Barbieri. Scrive su Fattitaliani, Ultima Voce e Malgrado Tutto, testata a cui hanno collaborato Sciascia, Bufalino e Camilleri. Ha pubblicato fra l’altro le raccolte di racconti “Pilipintò-Racconti da bagno per Siciliani e non” e "Uno sì e Uno no" (D. Flaccovio Editore); i gialli “La pietra al collo” (ripubblicato da IlSole24Ore) e “Il morto con la zebiba” (candidato al premio Scerbanenco 2015), ambedue con Todaro Editore ; "Il marchio sulle labbra" (premiato al Giallo Garda), "Assassinio alla Targa Florio" e "La difesa del bufalo, tutti e tre con D. Flaccovio Editore. Suoi scritti sono stati premiati al Premio Internazionale Città di Cattolica, al Premio di letteratura umoristica Umberto Domina, al Premio Città di Sassari e al Premio Città di Torino. I suoi libri sono reperibili anche online, in cartaceo ed ebook, su LaFeltrinelli.it e altri store.