mercoledì 8 novembre 2017

Segnalibro, Carlo Loforti a Fattitaliani: in "Malùra" la mia voglia di partire. L'intervista

"Malùra" in siciliano indica uno stato fisico ed emotivo di crisi profonda. Come quella che colpisce il protagonista del nuovo romanzo di Carlo Loforti. “Malùra”, in libreria con Baldini & Castoldi da novembre, racconta con leggerezza tragicomica un viaggio, che parte da Palermo e arriva alla Calabria. Un tragitto al cuore delle nevrosi, che evaporano dall’asfalto rovente siculo-calabrese tra risse e paesaggi mozzafiato, musi lunghi e perdoni, furti e cotte adolescenziali, inseguimenti e scoperta (senile) delle droghe, sparatorie e redenzioni. "Ci si affeziona al ritmo frenetico di questa storia. A questi padri, figli, amici che vogliono riconquistarsi": è il prestigioso endorsement di Simonetta Agnello Hornby. Oggi Carlo Loforti è ospite della rubrica di Fattitaliani "Segnalibro". L'intervista

Quali libri ci sono attualmente sul suo comodino? 
In questo momento sto leggendo Benedizione di K. Haruf. Molto bello. In attesa di succedere c’è “La vegetariana” di Han Kan.
L'ultimo "grande" libro che ha letto? 
Ho trovato strepitoso “L’avversario” di Carrère. 
Chi o cosa influenza la sua decisione di leggere un libro? 
Do delle percentuali di incidenza precise e, per questo, da prendere con le pinze: 45% persona fidata, 45% ricerca personale, 3% passaparola, 2% copertina, 3% recensioni, 2% caso (a volte però incide al 100%).
Quale classico della letteratura ha letto di recente per la prima volta? 
“Lettera a un bambino mai nato” e “It”. Valgono?
Secondo lei, che tipo di scrittura oggi dimostra una particolare vitalità? (narrativa, giornalismo, fumetti, saggistica...). 
Se dobbiamo essere letterali nell’interpretazione della parola vitalità, sicuramente le serie tv rappresentano oggi la massima espressione di appeal e salute della scrittura.
Personalmente, quale genere di lettura Le procura piacere ultimamente? 
Gli adorabili post su Facebook di Francesco Lena, autore Linus (cercatelo). Scherzo. In realtà non c’è un genere che mi garantisca un piacere. La condizione stessa della lettura - come lo faccio, quando, con che stato d’animo - può invece incidere molto. 
L'ultimo libro che l'ha fatta sorridere/ridere?
“African Psycho” di A. Mabanckou. È la storia di un serial killer perdente. Ripensandoci, in realtà non avrebbe dovuto farmi ridere. Forse dovrei preoccuparmi.
L'ultimo libro che l'ha fatta commuovere/piangere? 
L’avversario di Carrère. Perché è una lama.
L'ultimo libro che l'ha fatta arrabbiare? 
Uno che non sono riuscito a finire. Non dirò quale.
Quale versione cinematografica di un libro l'ha soddisfatta e quale no? 
Ho amato The Road e Non è un paese per vecchi di McCarthy in entrambe le versioni. Ho apprezzato Animali Notturni, tratto da Tony e Susan. Non posso dire lo stesso sul film tratto da Vizio di forma, per quanto io abbia amato altri film di P. T. Anderson.
Quale libro sorprenderebbe i suoi amici se lo trovassero nella sua biblioteca? Spero nessuno. Mi riconosco e mi riconoscono una certa imprevedibilità.
Qual è il suo protagonista preferito in assoluto? e l'antagonista? 
Non ne ho idea, ma i primi due che mi vengono in mente sono Santiago de Il vecchio e il mare e Conrad Moricand di A devil in paradise.
Lei organizza una cena: quali scrittori, vivi o defunti, inviterebbe? 
Tra i viventi sicuramente P. Roth, S. King, J. R. Moehringer. Inviterei anche J. S. Froer, per capire se mi sta simpatico. Tra i morti inviterei Hemingway, Camus e Sciascia.
Ricorda l'ultimo libro che non è riuscito a finire? 
Di recente ho mollato Meridiano di sangue di McCarthy, malgrado sia uno degli autori che apprezzo di più. Non andava bene per me, in quel momento. 
Quale scrittore vorrebbe come autore della sua biografia? 
Perché? Non capisco. Significa che dovrei morire anch’io?
In "Malùra" che cosa troviamo della vita di Carlo Loforti? 
La voglia di partire. Giovanni Zambito.
©Riproduzione riservata
IL LIBRO
Uscito da un carcere palermitano dopo 13 mesi di custodia cautelare, Mimmo Calò, ex star di una trasmissione sportiva locale, non ha un piano, non ha un lavoro, non ha più una moglie. Ha solo una figlia, che però già a soli quattro anni sembra aver capito di doverlo odiare.
In questo stato di crisi c’è però un’altra dolorosa frattura da sanare, anche se Mimmo non vuole ammetterlo: la fine del rapporto con il migliore amico Pier Francesco. Suo padre Pietro insiste ripetutamente perché i due facciano pace, preoccupato che anche il figlio possa distruggere un’amicizia importante come lui, più di quarant’anni prima, ha fatto con Fefè. «Se tu fai pace con lui, io faccio pace con quella cosa inutile», gli promette Mimmo, convinto che la cosa non possa verificarsi.
Quando si accorge che il club di calcio che gli ha offerto un lavoro come allenatore è solo una copertura per attività illecite e si mette nei guai con dei criminali palermitani, l’ex giornalista decide di mollare tutto, togliere le tende per un po’ e accettare la proposta del padre: compiere un lungo viaggio alla volta della Calabria, per recuperare l’amicizia perduta con Fefè. Mimmo, invece, non sembra disposto a onorare la promessa fatta. Per intercessione del padre, però, il giorno della partenza si presenta anche Pier Francesco.I tre sono costretti a partire insieme a bordo di una Ritmo dell'88, per un rutilante viaggio attraverso una Sicilia rovente e sgangherata, alla ricerca di se stessi e del vero significato dell'amicizia, dell'essere padri e dell'essere figli.
Calò è cinico e svogliato, cafone e filosofo. Rompe il ghiaccio con il politically scorrect per poi sedurti con i principi saldi: la famiglia, l’amicizia, la fedeltà.
Ha un’ironia fortemente calata nel suo spazio e nel suo tempo, nei temi carichi di nevrosi della società di oggi: la fissa per la cugina vegana, la perdita del valore delle relazioni, le solitudini di coppia.
C’è la Sicilia dei paesini e delle borgate cittadine, polverosa e rovente, che ci arriva da una scrittura asciutta e quotidiana, con un ritmo incalzante come una ballata rock. C’è la musica, tanta - proveniente da una vecchia musicassetta intrappolata dentro l’autoradio dal 1988 - da Bob Dylan a Zucchero, da Sabrina Salerno ai Pooh. C’è il rapporto tra criminalità organizzata e sport (calcio scommesse, richieste di pizzo celate dietro sponsorizzazioni legali e sancite con tanto di fattura). Ci sono gli over quaranta costretti a tornare a casa dalla mamma, le difficoltà a reinserirsi nella società dopo una detenzione, gli amori che finiscono. Ci sono le problematicità dell’essere genitori e dell’essere figli, a qualsiasi età; una figlia che si vergogna del padre, che vuole cambiare cognome a soli quattro anni e che minaccia di chiamare papà un altro uomo.
E c’è il viaggio, l’unica cosa a cui abbia senso aggrapparsi. Un comico viaggio per recuperare il senso delle deviazioni, per mettere a posto le colpe dei padri, per resistere al tempo che passa, alla vecchiaia e a quello stato d’animo, la malùra, che avvolge come una cappa il profondo sud che attraversano. Fino alla rivelazione definitiva: non si possono sanare le fratture, si può solo continuare il viaggio.

Carlo Loforti:
Palermitano, classe ’87. Ha scritto Suicidi d’onore (2013) e ha lavorato come autore per web e cinema. È stato tra i finalisti della XXVIII edizione del Premio Italo Calvino con Appalermo, Appalermo!, suo primo romanzo pubblicato da Baldini&Castoldi.

SCHEDA LIBRO
Titolo: Malùra
Autore: Carlo Loforti
Casa editrice: Baldini & Castoldi
Genere: Commedia
Prezzo: 16,00 euro
Prezzo eBook: 7,99 euro
Data di uscita: 02/11/2017
Pagine: 273

Presentazioni 
Le presentazioni del romanzo iniziano a Palermo venerdì 10 novembre alla libreria Modusvivendi (ore 19, intervengono Roberto Alajmo e Marta Occhipinti); per proseguire a Catania venerdì 24 novembre alla Libreria Vicolo Stretto (ore 19,30, accompagna l’autore Mariangela Di Stefano);  a Trapani il 1 dicembre alla Libreria del Corso (ore 18,30); a Siracusa il 25 novembre alla Libreria Gabò (ore 18,30);  ad Alcamo il 16 dicembre (ore 18,30); a Marsala il 17 dicembre al Convento del Giusino (ore 18,30, con con Roberta Pulizzi). L’autore sarà inoltre a Roma giovedì 16 novembre nella sede di Giulio Perrone in via Giovanni da Procida 30/32. (ore 18.30, lo accompagna Corrado Melleuso); e a Firenze venerdì 17 novembre. Sia a Torino il 20 novembre alla Feltrinelli in piazza C.L.N. (ore 18) che a Milano il 22 novembre alla Feltrinelli in Duomo (ore 18) Loforti parteciperà inoltre all’incontro “Che cosa ho in testa” a cura di Alberto Rollo con alcuni degli autori Baldini & Castoldi.