lunedì 13 novembre 2017

Libri, Fattitaliani segnala "GLI OGGETTI DI FLAUBERT" di Giampiero Marzi

Una volta Flaubert scrisse a Louise Colet: «Come saremmo colti se conoscessimo bene soltanto cinque o sei libri».
A prima vista sembra l'auspicio di un lettore esigente. Un capolavoro letterario è un ecosistema talmente complesso che per essere digerito merita la massima perizia possibile. La verità è più sottile: Flaubert, sebbene all'epoca non avesse pubblicato ancora niente, sognava che un giorno ai suoi libri venisse prestata la medesima cura maniacale che lui avrebbe profuso per concepirli e scriverli. Sognava un lettore dell'avvenire capace di godere di ogni snodo, frase, virgola e congiunzione. Con buona pace del suo famigerato disincanto, rimarrebbe piacevolmente sorpreso nel constatare con quale amore i suoi esegeti abbiano cercato di compiacerlo. I lettori di Flaubert sono quasi più pazzi di lui. E di certo Giampiero Marzi non fa eccezione.
dalla prefazione di Alessandro Piperno
Gli oggetti di Flaubert - Empirìa edizioni
Collana: Saggi
ISBN: 978-88-85609-00-6
Anno: 2017
Pagine: 136

Prezzo: 15,00 €
Registrazione dell'intervento dell'autore alla trasmissione «Fahrenheit» di Rai-Radio 3 del 23 agosto 2017:

Giampiero Marzi (Roma, 1965), laureato in Storia della lingua italiana e laureato magistrale in Letteratura francese all'Università di Roma "Tor Vergata", è attualmente cultore della materia di Lingua francese e dottorando presso l'Université Paris XIII. Giornalista pubblicista, svolge l'attività di editor.