lunedì 20 novembre 2017

ADDIO ALAÏA AZZEDINE

"Io creo secondo i miei ritmi. Non amo gli eventi fissi della moda. Li ignoro. Sono snob? Si in questo caso lo sono orgogliosamente"

ALAÏA nasce nel 1940 a Tunisi. Terra di geni...Ive Saint Laurent.
Si appassiona alla moda grazie alla sorella gemella ed alla continua morbosa lettura di Vogue.
Studia all'Accademia di belle arti di Tunisi.

Nel 1957 arriva a Parigi ed inizia la sua carriera con Dior,Laroche , Mugler.
Negli anni 70 apre il suo primo atelier. Qui in questo piccolo appartamento in rue de Bellechasse sulla Rive Gauche della Senna realizzerà capi per diverse donne francesi dell'alta Società francese, Marie-Hèléne de Rothschild, Louise de Vilmorn  ( scrittrice, poetessa, sceneggiatrice francese ).

Ma è nel 1980 quando grazie alla sua prima collezione prět-à- porter diviene famosissimo .
Tutte le più importanti riviste di moda vanno in visibilio.
La sua carriera continua a crescere.

Nel 1988 sbarca  a  Beverly Hills, New York.  Veste Grace Jones per James Bond, Naomi Campbell, Madonna, le sorelle Sozzani....

A metà dell'anni 90 Aläia scompare dalle scene.Perde la persona più  importante della sua vita, la sorella.
Non vuole più apparire.Lavorera' per un certo periodo solo per una clientela ristretta.

É  l'italia che lo "salva". La Francia lo lascia nell'oblio.
Nel 1996 arriva a Firenze e nel 2000 firma un accordo con Prada.
E così finalmente  nel 2007 grazie all'amicizia e convincimento di Miuccia Prada torna sul palcoscenico mondiale della moda.

La Francia  tenta il riscatto conferendogli nel 2008 la più alta onorificenza:  la legion d'onore.
Ma ormai lui è nostro.
Ieri muore a 77 anni. Non si conoscono ancora le cause.

Aläia è destino che abbia iniziato una mia collezione privata di opere d'arte. Dopo il quadro di David Bowie, ora ho anche la tua magnifica cintura. 
Non avrei mai voluto.

Sara Tacchi