giovedì 28 settembre 2017

Più libri più liberi alla Nuvola di Fuksas: la nuova location della 16.ma fiera della Piccola e Media Editoria

L’edizione della fiera della Piccola e Media Editoria che ogni anno si svolge a Roma, per la sua sedicesima edizione si terrà nel prestigioso spazio presso il nuovo Roma Convention Center ovvero La Nuvola di Fuksas all’Eur (in Viale Asia).

Sarà il primo degli eventi "open" che si svolgerà tra il 6 ed il 10 dicembre prossimo, traslocando di da quella che è da sempre stata la sede storica di questa manifestazione che era presso il Palazzo dei Congressi.

L’edizione 2017, il cui programma è ancora in work in progress, potrà vantare diversi primati con numeri importanti: oltre 350 stand, 400 marchi, 562 incontri confermati con gli editori e più di 8.000 metri quadrati dedicati spazi a comuni ed espositivi.

L’ambiente più ampio ed agevole anche per gli ospiti porterà gli editori presenti a questa kermess da 2000 a più di 3500. Loro i veri interpreti nei cinque giorni dell’evento che offrono un tributo, attraverso questa presenza all’editoria Italiana, tra le più considerevoli a livello mondiale.

Come la stessa presidente di Più libri più liberi, Annamaria Malato ha voluto sottolineare "Lo spostamento di sede non ha solo una rilevante valenza logistica, ma anche simbolica, la manifestazione culturale più importante della Capitale sarà ospitata nell’opera architettonica più all’avanguardia d’Europa.”.

La struttura della nuvola di Fuksas infatti progettata da Massimiliano e Doriana Fuksas e gestita da Roma Convention Group, offre uno straordinario effetto visivo, con una teca di acciaio e vetro alta 40 metri, larga 70 e lunga 175 in cui galleggia la Nuvola stessa. All’interno vi è anche l’Auditorium in ciliegio americano, che da solo può ospitare 1800 persone, facendone nel suo complesso una location prestigiosa e di successo nel mercato mondiale dei congressi e grandi eventi.

Ester Campese

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.