martedì 22 agosto 2017

Libri, Io resto così il 1° romanzo di Debora Scalzo

Una leonessa la nostra protagonista, una donna messa a dura prova dalle proprie esperienze sin da bambina, un’eroina che tenta sin da subito di emanciparsi, lottare, costruirsi un’indipendenza economica e affettiva.
Ma l’amore non fa sconti a nessuno. Coinvolge, travolge e stravolge a volte, costringendo le proprie vittime a barcamenarsi in una passione che è ardore ma anche sofferenza. Così, quando finalmente l’uragano sembra passato e il sereno pare aver preso il sopravvento, una nuova batosta, più potente di tutte le precedenti, schianta a terra l’animo di Stella. Quell’“A domani” non mantenuto, quella promessa non rispettata avveleneranno ancora una volta la giovane protagonista. Inevitabilmente si è presi da questa narrazione. Senza pietà si è coinvolti in una storia unica ma comune, forse, la storia di una donna chiamata a combattere, a cadere ma sempre a rialzarsi, fin quando un piccolo angelo, Gabriele, porterà ancora il sereno, speriamo, stavolta, per sempre.

Note autore: Debora Scalzo, trentenne astigiana, di origine siciliana, dall’età di ventitré anni vive e lavora a Milano. Mamma di un bimbo dolcissimo, moglie di un uomo straordinario, scrittrice Kimerik e autrice musicale per l’etichetta discografica Big Fat Music Production, collabora con Sergio Vinci, autore di Laura Pausini, Nek, Alessandra Amoroso, Noemi e tanti altri. La passione intensa per la scrittura e la musica, la fa rivivere anche nelle sue canzoni/emozioni, cantate da grandi artisti. Adora La Canzone di Marinella del grande De Andrè. Ha la divisa nel cuore, nutre una stima profonda per tutte le Forze dell’Ordine, in particolar modo per la Polizia di Stato. Io resto così è il suo primo romanzo a cui è molto legata, il primo di una lunga serie, nonché il suo “motto” per la vita. Per contatti diretti & collaborazioni con l’autrice: deborascalzofficial@gmail.com

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.