giovedì 24 agosto 2017

Film da rivedere, Bel Ami - Storia di un seduttore (2012) di Declan Donnellan e Nick Ormerod. La recensione di Fattitaliani

di Andrea Giostra - Un film bellissimo e da vedere, o da rivedere, ad ogni costo se si vuol ricevere un contributo culturale per comprendere il potere della seduzione anche se priva di talento, di cultura, di scrupoli, ma traboccante di sete di potere, di danaro e di vana gloria.
La sceneggiatura, tratta dal secondo e bellissimo romanzo “Bel Ami” di Henri-René-Albert-Guy de Maupassant, pubblicato in Francia nel 1885, che in solo quattro mesi raggiunse le trentasette ristampe, primato assoluto non solo per l’ottocento, ben rappresenta altri strumenti per la conquista del potere. La sceneggiatura di Rachel Bennette con grande astuzia narrativa, si sofferma spesso sull’immenso potere mediatico già noto nell’ottocento, e di come questo potere, ben maneggiato da “menti raffinate” e senza scrupolo alcuno per l’interesse pubblico, domina la scena del potere politico ed economico di allora – come di adesso! - mietendo vittime scomode e spesso apparentemente ingenue.
Ed allora, quello che lo spettatore vedrà rappresentato in “Bel Ami”, non è la semplice e scontata storia di un seduttore seriale che diabolicamente e cinicamente sottomette e domina donne potenti, sole ed insoddisfatte al solo fine di ottenere denaro e potere, ma vedrà ben rappresentata la spietata lotta per il dominio assoluto, conquistato con ogni mezzo, privilegiando l’utilizzo delle ancora poco raffinate armi non convenzionali della carta stampata di fine ottocento, oggi definito a ragione il “potente potere mediatico”.
Come profeticamente aveva previsto Guy de Maupassant, oggi come allora, il “soggetto” non è cambiato. E questo non ci è affatto di conforto.


Di: Declan Donnellan e Nick Ormerod
Con: Robert Pattinson, Uma Thurman, Kristin Scott Thomas, Christina Ricci, Colm Meaney
Titolo originale: Bel Ami”
Titolo italiano: “Bel Ami - Storia di un seduttore”
Produzione: Gran Bretagna, Francia, Italia (2012)
Uscito nelle sale italiane il 13 aprile 2012


ANDREA GIOSTRA

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.