mercoledì 5 luglio 2017

Agrigento, il 28 luglio "Fuoco d’estate" per scoprire la tecnica della ceramica Raku. Presentazione de "La doglia muta" di Peppe Zambito

Metti una sera ad Agrigento, nella corte, profumata di piante mediterranee, dell'Accademia di belle arti Michelangelo. Ecco un'occasione per scoprire la lavorazione del Raku. Potrete assistere alla trasformazione dell’argilla e alla cottura in diretta, così, sotto gli occhi dei presenti, nasceranno oggetti straordinari, come colori, accostamenti e luminosità.

Nasce dunque dal calore una ceramica singolare, innovativa, che affonda le radici nel passato e regala manufatti originali e irriproducibili.
Il battesimo del fuoco rende la ceramica Raku unica. Un fuoco simbolico e primordiale che accenderà di colori soffusi e danzanti la corte dell'Accademia Michelangelo, intitolata ad Anselmo Prado.
L’appuntamento è per venerdì 28 luglio 2017, dalle 20.30 alle 23.30.
Nel corso della serata verrà presentato il volume di Peppe Zambito edito da Saladino La doglia muta, uno spaccato della Sicilia in cui la nobiltà decadente si scontra con i natali di un nuovo ceto sociale, diviso fra convenienze e desiderio.
A fare gli onori di casa in Accademia, di questo spazio nuovo che rivitalizza il centro storico di Girgenti, il direttore Alfredo Prado da sempre impegnato nella diffusione e conoscenza dell'arte (attraverso istituti di alta formazione, mostre, conferenze e incontri). Con lui il professore Domenico Boscia, che guiderà l'esposizione della tecnica Raku.
Nata per caso, nella seconda metà del XVI secolo in Giappone da un artigiano di nome Chojiro, questa particolare lavorazione della ceramica serviva per creare tazze destinate alla cerimonia del tè.
La corte accoglie studenti e momenti di incontro e cultura. Un modo di vivere la vita accademica in maniera creativa e stimolante.
Fuoco d’estate è solo uno degli avvenimenti in programma all’Accademia Michelangelo.

Info www.abama.it

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.