domenica 16 luglio 2017

8 cose, il nuovo elegantissimo album di Matteo Pascotto

Matteo Pascotto nasce a Portogruaro in una casa in cui c’è sempre stata musica. Tutto è cominciato con una chitarra, una Eko primi anni ’70, la regalò la madre al padre sperando che imparasse a suonarla; lui non lo fece ma lo fece Matteo. Primo premio al Concorso Nazionale “Scrivere in musica” CEM di Pordenone con il brano “Le mie mani” uno dei singoli dell'album d'esordio "Ora puoi uscire", il 22 Giugno 2017 pubblica 8 COSE il suo nuovo elegantissimo album.
Ecco come l'autore descrive la sua ultima opera: Questo nuovo album suonerà volutamente molto “live”, è suonato alla “vecchia maniera” per capirci; riprende un pò le fila del primo disco “Ora puoi uscire”. Ho lavorato tanto sui testi, sui suoni e sul groove. Questa volta mi sono lasciato andare anche in riff ed assoli di chitarra, ma sempre con un linguaggio (spero) semplice ed orecchiabile. Io sono un chitarrista che canta. Scrivo in italiano ma ascolto tanta musica d’oltreoceano, quindi non so bene che genere faccio! La fatica più grossa credo sia quella di uscire dalle etichette di genere e fare la musica che senti tu, senza preoccuparsi di compiacere nessuno. Il mio sogno è quello di poter fare una musica pop, leggera, che arrivi all’ascolto di tutti ma con la sensibilità del blues e del jazz…tutto questo scrivendo in italiano… Questo nuovo album avrà un sapore molto morbido e nostalgico ma, essendo pieno di chitarre, graffierà un po’!” 


ASCOLTA 8 COSE
http://spoti.fi/2u6oviu 


GUARDA IL VIDEO L'ENCICLOPEDIA DEL SALUTOhttps://youtu.be/FChpNdaXW1E 

Credits:8 COSEScritto da Matteo PascottoProdotto e arrangiato da Matteo PascottoRegistrato tra febbraio ed aprile 2017 presso il Birdland studio di Gorizia ed il MushRoom studio di Frisanco (PN) per le percussioni ed i bassi di “L’amore che sa perdonare”.
Registrato e mixato da Francesco Marzona 
Foto e progetto grafico: Elisa Moro
Direzione artistica: Matteo Pascotto
Supporto web e comunicazione: Pixelcrew
Musicisti:Matteo Pascotto: chitarre acustiche, chitarre elettriche, voci, percussioni
Luca Amatruda: basso, moog
Carlo Badanai: batteria, percussioni
Giuseppe Tassoni: pianoforte, piano elettrico, organo Hammond

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.