martedì 13 giugno 2017

Gianvittorio Randaccio, dal 15 giugno in libreria "IL TREQUARTISTA NON SARÀ MAI UN GIOCATORE COMPLETO"

Una folgorante raccolta di aforismi e brevissimi racconti sul calcio. Randaccio sembra intromettersi in quel mondo in punta di piedi; con un'ironia acuta, intelligente e talmente sottile da sembrare ingenua. Tanto nelle serrate serie di aforismi, che nei racconti, la scrittura di Randaccio va molto più in profondità di quanto il tono così lineare vorrebbe farci credere. 

Gianvittorio Randaccio è quello che si dice una promettente rivelazione. Si richiama un po' a Celati, Cavazzoni e Paolo Nori. E a quella sapiente scrittura del racconto comico che caratterizza la cosiddetta scuola emiliana: solo che lui è di Milano.  Marco Rossari
IL TREQUARTISTA NON SARÀ MAI UN GIOCATORE COMPLETO
di 
Gianvittorio Randaccio
con una nota di Massimo Raffaeli
Piccola Biblioteca di Letteratura Inutile • fogli intonsi • pp 80 • € 12,00
LA COLLANA - PICCOLA BIBLIOTECA DI LETTERATURA INUTILE
L’energia intellettuale che da sempre caratterizza la città di Svevo, Saba, Bazlen e Stuparich, per una nuova editoria di cultura, intel­ligente e attenta alle esigenze dei lettori più raffinati. 
La Italosvevo rinasce con una nuova collana di volumetti intelligenti e anticonvenzionali per contenere quel­la letteratura, di grande tradizione italiana, che non appartiene alla narrativa e difficilmente trova spazio nelle case editrici. Volumi di piccolo formato molto cura­ti nella veste grafica, copertina in brossura su carta di pregio con lunghe bandelle, ri­legatura filo refe, tagli laterali in tonso. Con questo nuovo progetto editoriale Italosvevo vuole catalizzare l’energia culturale che nasce dalla storica tradizione letteraria di Trieste e che tuttora ne fa una delle città più attive e ferventi, per esportarla in tutto il Paese. Il progetto della Italosvevo, rilevata Alberto Gaffi, la cui direzione editoriale è affidata a Giovanni Nucci, è di andare a cogliere questo fermento là dove storicamente è sempre, con una produzione letteraria particolarmente vivida, colta, intelligente e raffinata. Con un occhio di riguardo alla realtà triestina, pubblicando però indistintamente autori italiani e, se necessario, stranieri.
La collana «Piccola biblioteca di letteratura inutile» si muoverà negli spazi del reportage, delle divagazioni letterarie, divertissement, pamphlet, testi di letteratura filosofica o di saggistica dissacrante, brevi scritti morali. Nel segno della riflessione e della critica, dall’attenzione e dell’intelligenza, del sarcasmo e dell’ironia. La grafica curata da Maurizio Ceccato è moderna pur seguendo i dettami della grafica editoriale di più chiara tradizione.  I volumi finora usciti sono: Trittico di Hans Tuzzi, Piccolo dizionario delle malattie letterarie di Marco Rossari, Un ossimoro in lambretta. Labirinti segreti di Giorgio Manganelli di Patrizia Carrano, Sulla Poesia di Giorgio Caproni a cura di Roberto Mosena, Editori vicini e lontani di Cesare De Michelis, E due uova molto sode di Giovanni Nucci, Non è una questione politica di Alfonso Berardinelli, Il Carteggio  Bellosguardo. Henry James e Constance F. Woolson: frammenti di una storia di Valerio Aiolli. 

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.