mercoledì 31 maggio 2017

Valerio Jovine, dal 1° giugno disponibile nuovo singolo "Quello che rimane in testa"

Dal 1° giugno è disponibile su tutte le piattaforme digitali, il nuovo singolo di Valerio Jovine Quello che rimane in testa, brano che segna il ritorno sulla scena discografica dopo due anni dall’ultimo album di inediti.

L’artista partenopeo, ex voce e chitarra dei 99 Posse, è pronto a pubblicare il nuovo disco, in uscita a fine giugno, dal titolo In assenza di gravità, prodotto da Tunnel Produzioni per l’etichetta discografica Campi Flegrei. In questo ottavo lavoro in studio Valerio Jovine ci parla di un mondo visto con gli occhi di chi porta in sé una infinità di ricordi e si chiede cosa “resta” in una società troppo spesso impegnata a dimenticare e consumare tutto velocemente.

Quello che rimane in testa, è firmato da Valerio insieme ad Alessandro Aspide, Pasquale Pariota e Francesco Aiello che sono anche gli arrangiatori del disco. Il singolo racconta la poesia di una penna che scrive su un foglio, di un mondo di ricordi vintage, in contrapposizione con la tecnologia dei nostri tempi, il brano riflette su una generazione che vive più sui social che nel mondo reale.

Valerio Jovine. Cantautore napoletano che, dopo una lunga gavetta, si è imposto nel panorama musicale italiano grazie al progetto JOVINE e alla collaborazione con il gruppo 99 POSSE di cui fa parte anche il fratello Massimo. Con la partecipazione a The Voice of Italy nel 2014, Valerio è riuscito a portare il reggae, genere che ha da sempre contraddistinto le sue composizioni, all’attenzione del grande pubblico televisivo.
Giunto all’ottavo lavoro discografico, Jovine, da sempre legato alla dimensione live della musica, sarà in tour per tutta l’estate.


Quello che rimane in testa è visibile al seguente link:


Per acquistare il brano su Itunes: http://apple.co/2rBxhrE
Per ascoltare streaming su spotify: http://spoti.fi/2sigZA7

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.