giovedì 4 maggio 2017

Joseph Pulitzer, “Sul giornalismo”, Ed. Bollati Boringhieri, Torino, 2009. La recensione di Fattitaliani

Giornalismo o Propaganda? Verità o menzogna? Chi è il giornalista oggi? Cosa rappresenta? Qual è il suo mestiere? Al servizio di chi lavora?

Era il 7 aprile del 1904 quando il 32° Presidente degli Stati Uniti d’America, Franklin Delano Roosevelt, voluto dagli americani per ben quattro mandati presidenziali consecutivi, pronunciò queste parole: «L’uomo che scrive, l’uomo che mese dopo mese, settimana dopo settimana, giorno dopo giorno fornisce il materiale destinato a plasmare il pensiero del nostro popolo è sostanzialmente l’uomo che più di chiunque altro contribuisce a determinare la natura del popolo e il tipo di governo che esso deciderà di darsi.»
Più di trent’anni dopo, il potente Ministro della Propaganda del Terzo Reich dal 1933 al 1945 e tra i più influenti gerarchi nazisti, Joseph Paul Goebbels, immaginiamo “ispirato” dalle parole di Roosevelt, ideo delle tecniche di propaganda così efficaci e così dirompenti da portare Adolf Hitler al potere in Germania e ad inventarsi il motto «Ripetete una cosa qualsiasi cento, mille, un milione di volte e diventerà verità.»
Qualche anno fa, dopo aver letto questo saggio “Sul giornalismo” di Joseph Pulitzer, pubblicato in USA nel maggio del 1904 su “The North American Review” e in Italia nel 2009, ne parlai con alcuni miei amici giornalisti: pochi lo conoscevano, nessuno l’aveva mai letto! Nell’immaginario collettivo italico, “il Pulitzer” rappresenta un importantissimo e prestigiosissimo premio letterario statunitense. Pochi sanno che Joseph Pulitzer, tra la fine dell’ottocento e l’inizio del novecento, fu un grandissimo editore-giornalista-politico e finanziere ungherese-statunitense, che ideò la prima scuola di giornalismo al mondo, realizzata dalla Columbia University nel 1912, un anno dopo la sua morte e venti anni dopo che Pulitzer aveva presentato pubblicamente il suo ambizioso progetto di una “Scuola di studi avanzati di giornalismo”.
Per parlare di giornalismo, oggi bisognerebbe tornare alle origini, tornare a Pulitzer rileggendolo o leggendolo per la prima volta. Se non altro perché servirebbe per rispondere a questa semplice domanda: qual è il confine tra “chi fa propaganda”, notoriamente finalizzata alla conquista ed al mantenimento del potere utilizzando l’inganno e la menzogna ripetuta all’infinito tanto da farla apparire verità, e il “giornalista” di cui traccia un magnifico profilo Pulitzer alla fine dell’ottocento: «Un giornalista è la vedetta sul ponte di comando della nave dello Stato. Prende nota delle vele di passaggio e di tutte le piccole presenze di qualche interesse che punteggiano l’orizzonte quando c’è bel tempo. Riferisce di naufraghi alla deriva che la nave può trarre in salvo. Scruta attraverso la nebbia e la burrasca per allertare sui pericoli incombenti. Non agisce in base al proprio reddito né ai profitti del proprietario. Resta al suo posto per vigilare sulla sicurezza e il benessere delle persone che confidano in lui.»?
È quella tracciata da Pulitzer l’identità del vero giornalista che si veste della nobile missione di riferire la verità che osserva e con la quale plasma il pensiero del popolo perché decida il migliore governo possibile nell’interesse comune, per dirla con Franklin Delano Roosevelt.
È tutt’altra cosa, ma non è certamente un giornalista, colui che con l’inganno e con la menzogna, utilizzando tutti gli strumenti che il suo padrone/editore gli mette a disposizione, ripete ossessivamente e ripetutamente delle falsità perché “si trasformino” in verità, per dirla con Joseph Paul Goebbels.
ANDREA GIOSTRA.
https://www.facebook.com/andrea.giostra.37 ;

https://www.facebook.com/andrea.giostra.31 .

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.