venerdì 14 aprile 2017

TEATRO TOR BELLA MONACA, 14 e 15 aprile: due GIORNI CON LA GRANDE DANZA "SWAN LAKE/RE-LOAD"

Sono passati ormai venti anni dal lontano 1997,  anno in cui  veniva messo in scena per la prima volta a Lione, per la Biennal Theatre Jeunes Publics, lo spettacolo “C’era una volta… un lago dei cigni”.
Due decenni di ininterrotta esecuzione, con esibizioni ai quattro angoli del mondo, in diciotto diverse nazioni e di fronte a più di duecentomila spettatori. Luca Bruni e Mario Ferrari, creatori dello spettacolo, hanno deciso di festeggiare questo importante traguardo con una serie di iniziative che hanno preso il via al Todi Festival lo scorso settembre fra cui la presentazione di un libro ad esso dedicato ed il debutto di uno spettacolo in chiave contemporanea che, della versione originale, mantiene la musica (scritta dal noto compositore Marco Schiavoni) e la traccia drammaturgica. Lo spettacolo, già al momento del suo debutto, fu fortemente apprezzato: l’intento era quello di avvicinare il grande pubblico agli spettacoli di danza fuori dai luoghi convenzionali. Questa favola di altri tempi narra di un gruppo di giovani che si scoprono tramutati in cigno dal malefico Rothbart, solo il sopraggiungere di un principe potrà salvarli da un tragico destino…dopo avverse vicende, ognuno di questi giovani scoprirà che ogni persona reca nell’animo più che nelle vesti i germogli dell’essere nobile e buono…
venerdì 14 e sabato 15 ore 21
coreografia Luca Bruni Scenografie
costumi Mario Ferrari
musica originale Marco Schiavoni
compagnia di danza sostenuta dal MiBACT e dalla Regione Umbria.
Teatro Tor Bella Monaca
via Bruno Cirino, all'angolo di viale Duilio Cambellotti con via di Tor Bella Monaca

Info e prenotazioni
Prenotazioni: tel 06 2010579 
Botteghino: feriali ore 18-21.30, festivi ore 15-18.30
Ufficio promozione: ore 10-13.30 e 14.30-19

Biglietti
Intero 10 euro
Ridotto 8 euro

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.