martedì 4 aprile 2017

Il gas esilarante di Palermo

Ora vi faccio ridere col gas. 

Ho cambiato banca, e devo trasferire al nuovo istituto le domiciliazioni della carta di credito, delle assicurazioni, del fornitore di energia, dei gestori telefonici eccetera. Ognuno di questi ha le sue procedure, qualcuna più semplice, qualcuna meno, ma tutte abbondantemente telematiche. Con il penultimo di loro mi arrabbio, ma per fortuna ho involontariamente tenuto per ultima la AMG Gas di Palermo, che mi ha fatto tornare il buonumore. 
Ora vi dico perché.
Sono andato sul sito... anzi, guardate, andiamoci insieme, così vi dò l'"effetto presenza" e vi divertite anche voi.
Allora... digito  http://www.amg.pa.it 
Eccoci qua. Siamo dentro il sito AMG Gas di Palermo. 
Domanda per voi che leggete: "Perché siamo qui?" 
"Beh", direte voi, "ce l'hai detto: stai cercando di sapere come si fa un cambio di domiciliazione della bolletta".
Giusto. E guarda guarda, proprio in prima pagina, quasi al centro, trovo :

Home  - Contatti - Informazioni...
Informazioni! Eccolo! 
"Congratulazioni!", mi direte voi. 
Aspettaaateee...
Clicco tutto felice su "Informazioni" e viene fuori 

"INFORMAZIONI"
per sapere tutto di noi

E appena più sotto, visibilissimo che è una bellezza:

FAQ
per darti tutte le risposte

"Congratulazioni" mi direte di nuovo voi.
Baaah, volete aspettare un minuto prima di parlare, per favore? 
Intanto fatemi aprire una parentesi piccola piccola. 
Visto che:
1) stiamo parlando di gas, una cosa che usano tutti, pure quelli che la scuola non l'hanno frequentata tantissimo o che sono troppo anziani per tenersi al passo con l'evoluzione del linguaggio;
2) che siamo a Palermo e non a Londra; 
e che perciò 
3) tanti clienti non sanno che FAQ significa "Frequently Asked Questions", e cioè "Domande Frequenti", e che invece ci può essere qalcuno che è andato a visitare i cugini emigrati in America e scambia "faq" per "fuck" e quando legge "FAQ - per darti tutte le risposte" magari si offende e la risposta gliela dà lui, con il "Fuck you" che ha imparato dai cugini...
Visto e considerato quanto precede, perché non limitarsi a un semplice "Domande frequenti" comprensibile a tutti i clienti? Diceva la buonanima di mio padre che una spiegazione non è un piedistallo su cui ci si arrampica per dominare gli altri e far vedere quanto si è bravi; serve a far capire, ed è buona quando è formulata in modo che tutti i destinatari siano in grado di comprenderla. 
Certo, essendo uno dei segreti della comunicazione, magari per quelli della AMG il segreto è rimasto tale. D'altra parte un segreto è un segreto, no? Chiusa la parentesina. 

Come dite? Che non vedete che cosa mi ha fatto ridere? Che sono un precisino esagerato, e dovrei invece essere grato a AMG Gas perché mi ha portato subito a trovare la risposta che mi serviva? 
Ehehe. Ahahaha.
Scusate la risata, mi è scappata. 
Dunque, secondo AMG le domande frequenti degli utenti, a parte la prima - "Cosa fare in caso di fuoriuscita di gas in una abitazione domestica", che mi pare seria, sarebbero, udite udite: 
– E’ possibile quantificare le attuali riserve mondiali di gas naturale?
– Come funziona un veicolo alimentato con gas naturale?
– Cos’è il gas naturale?
¬– Perché il petrolio ed il gas naturale rimangono intrappolati sotto la superficie terrestre?
– Perché una parte del materiale organico in decomposizione genera carbone e un’altra produce petrolio e gas naturale?
– Qual è la differenza tra un veicolo bi-fuel e un veicolo dual-fuel?
¬– Quali sono i trattamenti a cui è sottoposto il gas naturale?
– Quali sono le principali applicazioni del gas naturale?

Capite quali sono, per la AMG Gas, le domande che assillano la mente dei suoi clienti palermitani? Altro che banalità come "scusate, come si fa a cambiare domiciliazione a una bolletta". Se è così, complimenti agli utenti: a quanto pare sono insaziabili inquisitori di tutto ciò che concerne il gas, persone capaci di rigirarsi nel letto tutta la notte, tormentati da domande come  "Qual è la differenza fra dual-fuel e bi-fuel?". 

A questi FrequentiDomandatori devo però dare purtroppo una brutta notizia: se cercate di soddisfare la vostra curiosità tramite le FAQ di AMG Gas rimarrete delusi. Ci troverete infatti la seguente risposta: 

"Un veicolo bi-fuel può essere alimentato sia a gas naturale che a benzina. Molti veicoli sono dotati di uno switch che permette il passaggio all’alimentazione a benzina quando il serbatoio del gas naturale si svuota. Un veicolo dual-fuel è alimentato o so..."

"O so...", e poi?
E poi niente. Fine. Segue alla prossima puntata. In altre parole: "Per quanto ci riguarda potete morirci, col desiderio di sapere questa cosa. Noi non ve la diciamo. Tiè." 
E le risposte alle altre domande?
Quasi tutte incomplete come questa.
Quindi mi viene da pensare che, se a Palermo i FrequentiDomandatori non sono scesi in piazza con i forconi, forse è perché queste domande sono "frequenti" solo nella mente di chi le ha immaginate. 
A proposito, se qualcuno conosce il gestore delle "FAQ" del sito AMG Gas, gli dica per cortesia che i palermitani vorrebbero tanto sapere se i famigerati fagioli siano sorgenti di biogas più efficienti di fave e piselli. Magari potrebbero rendere davvero più interessante la lista delle "Domande Frequenti".
Nella spasmodica attesa che AMG Gas fornisca la risposta, Palermo trattiene il fiato.
Cosa che, quando ci sono di mezzo certi gas, male non fa.

Carlo Barbieri
Carlo Barbieri è uno scrittore nato a Palermo. Ha vissuto a Palermo, Catania, Teheran, il Cairo e adesso fa la spola fra Roma e la Sicilia. Un “Siciliano d’alto mare” secondo la definizione di Nisticò che piace a Camilleri, ma “con una lunga gomena che lo ha sempre tenuto legato alla sua terra”, come precisa lo stesso Barbieri. Scrive su Fattitaliani, NitroNews, Il Fatto Bresciano, QLnews, Sicilia Journal e Malgrado Tutto, testata su cui hanno scritto Sciascia, Bufalino e Camilleri. Ha scritto fra l’altro “Pilipintò-Racconti da bagno per Siciliani e non”, i gialli “La pietra al collo” (Todaro Editore, ripubblicato da IlSole24Ore) e “Il morto con la zebiba” (candidato al premio Scerbanenco) e “Uno sì e uno no”, una raccolta di racconti pubblicata da D. Flaccovio Editore. Suoi scritti sono stati premiati alla VI edizione del Premio Internazionale Città di Cattolica, al IV Premio di letteratura umoristica Umberto Domina e alla VII edizione del Premio Città di Sassari e al Premio Città di Torino. I suoi libri sono reperibili anche online, in cartaceo ed ebook, su LaFeltrinelli.it e altri store.

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.