venerdì 31 marzo 2017

STATUTO, in radio il nuovo singolo "QUI NON C'È IL MARE" feat. Caparezza, che anticipa album "ZIGHIDÀ 25"

Da oggi, venerdì 31 marzo, è in radio “Qui non c’è il mare”, il nuovo singolo degli STATUTO che anticipa "ZIGHIDÀ 25” (Universal), album in uscita il prossimo 21 aprile per celebrare il 25° anniversario dalla pubblicazione del disco “Zighidà”. Il brano, prodotto da Max Casacci, ha come ospite d'onore CAPAREZZA.

«“Qui non c’è il mare” - raccontano gli Statuto - è la presentazione ska della nostra città, con un testo ironico scritto nel 1992 che risulta attuale come non mai e che ha subito solo pochi “ritocchi”: gli stadi, ad esempio, rispetto a 25 anni fa sono diventati addirittura 3, ma il primo, il Filadelfia (che sarà ri-inaugurato quest’anno), è per noi quello più importante. Certo...la riflessione rap di Caparezza ci regala una visione più “raffinata” e obiettiva del problema della mancanza del mare a Torino, al punto tale da averci convinti che non è un problema…».

«Ho accettato volentieri di partecipare al brano "Qui non c'è il mare" degli Statuto - dichiara Caparezza - perché l'album che lo conteneva (Zighidà) lo ascoltavo durante il mio primo anno da emigrante a Milano nella "Casa del giovane studente e del lavoratore" e poi perché i diritti SIAE del testo andranno alla Fondazione Carlo Rossi».

I diritti SIAE di “Qui non c’è il mare” saranno devoluti all'associazione CARLO U. ROSSI (già produttore della band e tra i maggiori produttori artistici italiani, scomparso tragicamente nel 2015) che si occupa di sostenere gli studi dei giovani desiderosi di diventare produttori artistici.

Ecco la tracklist del disco: “Zighidà”; “Piazza Statuto”; “Abbiamo vinto il festival di Sanremo”; “Senza di lei”; “Piera”; “Ghetto”; “Balla”; “Moskowska”; “Quando quando quando”; “Ragazzo Ultrà”; “Non farmi ridere”; “Le – U”; “Libero”; “Baciami baciami”; “Qui non c'è il mare”.
“Zigihdà 25” contiene anche 3 bonus track, tra cui il nuovo singolo: “Noi duri”; “Abbiamo vinto il festival di Sanremo” (con la partecipazione del tenore Romano Doria); “Qui non c'è il mare” (feat Caparezza).

Partirà ad aprile lo “ZIGHIDÀ 25 TOUR”, con cui la band porterà il disco in tutta Italia. Ecco le prime date confermate: 20 aprile alla Blues House di Milano; 21 aprile al Fuori Orario di Taneto (RE); 22 aprile al Finger Food Festival (Parco della Zucca) di Bologna; 24 aprile alla Festa Partigiana di Cuneo; 25 aprile in Piazza Mazzini a Macerata; 29 aprile alla Flog di Firenze; 30 aprile al King Kong di Pinarella di Cervia (RA); 1 maggio all’Expo Centre di Bellinzona (SVIZZERA); 2 maggio alla RTSI di Lugano (SVIZZERA); 5 maggio all’Hiroshima Mon Amour di Torino; 12 maggio al Jailbreak di Roma; 19 maggio al Crazy Bull di Genova; 8 giugno al Festival di Vauda Canavese (TO).
 Foto di Chiara Buonvino
Gli STATUTO sono oSKAr (voce), Naska (batteria), Enrico Bontempi (chitarra) e Rudy(basso). La band è una realtà unica nel panorama della musica italiana, con il suo coerente ma non per questo mai evoluto stile mod, con la loro immediatezza e sfrontatezza nei testi impegnati. Gli Statuto sono spesso ironici o sarcastici, aggressivi e umili, con una musica diventata di "moda" che è iniziata con lo ska e si è fusa con il soul e il powerpop, diventando totalmente originale e incatalogabile. Senza mai aver assunto i panni delle "star", senza essersi mai allontanati idealmente (e geograficamente) da Piazza Statuto, luogo di partenza e di creazione culturale, ideologica e musicale del gruppo sono arrivati su ogni tipo di palcoscenico, dal Teatro Ariston del Festival di Sanremo al concerto per i licenziati della Lancia/Fiat di Chivasso, dal Festivalbar al Leonkavallo, dal Cantagiro al concerto in Plaza De La Revoluciòn all’Habana de Cuba (invitati dalle autorità locali), sempre con la massima semplicità e naturalezza che li contraddistingue fin dai loro inizi. Gli Statuto sono reduci da un tour nei club durante il quale hanno presentato l’ultimo disco“Amore di Classe” (2016).

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.