venerdì 24 marzo 2017

Cinema, Fattitaliani consiglia "John Wick Capitolo 2" di David Leitch e Chad Stahelsk con un bravissimo Keanu Reeves. La recensione

Il Film di David Leitch e Chad Stahelski è perfetto per i cinefili e per gli spettatori amatoriali che prediligono l'azione pura, per certi versi e nella fattispecie quasi ossessiva, in una rappresentazione cinematografica qual è quella del secondo capitolo di “John Wick”!

Il Film costruisce alcune scene interessanti girate nella Città Eterna, la capitale dell'Impero Romano che ha lasciato ai posteri le sue gloriose costruzioni e soprattutto cunicoli e sotterranei di imprecisato scopo dell'Antica Roma, ma che nel Film, ottimamente sceneggiato da Derek Kolstad, diventano luoghi dove si consumano vigliaccati fratricidi, squallidi giochi di potere mafioso, delitti, vendette, tradimenti, assassinii, battaglie corpo a corpo interminabili; dove il protagonista assoluto ed indiscusso è uno stordito e per certi versi depersonalizzato John Wick, il bravissimo e sempre più capace di empatizzare il pubblico Keanu Reeves.
La sceneggiatura e la regia vorrebbero rappresentare una scissione di personalità tra il Wick depurato dai suoi passati delitti, un “uomo-che -desidera-la-normalità-della-vita-quotidiana”, che vorrebbe vivere la sua vita in “pace”; e un Wick spietato ed infallibile killer dalle mille risorse e dalle capacità diaboliche nel riuscire ad annientare qualsiasi ostacolo che si frapponga al suo cammino, ai suoi obiettivi e alla sua volontà. Ma questa scissione, per certi versi schizofrenica, rimane in nuce, rimane non completamente sviluppata, rimane tronca e incompiuta!
In questo secondo capitolo è la mafia, la ndrangheta, che costringerà Wick a rispettare un “pegno” che invece non vorrebbe onorare; ma che poi, consultato il potente-”amico” Winston, interpretato da un sempre più convincente Iam McShane, si trova costretto obtorto collo, ad eseguire, come un qualsiasi soldatino al servizio della potente mafia di turno. Missione che si rivelerà presto una trappola mortale dalla quale Wick, per uscirne vivo, dovrà far ricorso a tutte le sue risorse relazionali, marziali e da infallibile guerriero qual è.
Ce la farà? Riuscirà il nostro eroe ad uscirne vivo? È Questa la domanda che il Film lascia allo spettatore quando scorrono i titoli di coda che vedono un Wick zoppicante e insanguinato, fuggire dal suo “inesorabile” destino-mafioso ... in attesa del terzo capitolo di una saga che a questo punto appare una “telenovelas-thriller-azione” di un imprecisato numero di capitoli!
Resta il fatto che il Film, per chi ama il genere thriller-azione, è certamente divertente e da vedere.
ANDREA GIOSTRA.
https://business.facebook.com/AndreaGiostraFilm/?business_id=1569737553326223 .

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.