giovedì 9 febbraio 2017

Libri, esce oggi il saggio “Il piacere di raccontare - Pavese dentro il fantastico postmoderno” di Franco Zangrilli

Contenuto: In questo studio si fa una lettura del fantastico nella produzione di Cesare Pavese.
I suoi miti sono l’anima di un fantastico originale che interpreta la realtà contemporanea, come le angosce e le crisi dell’uomo appartato. Si ha a che fare con un fantastico che spazia verso nuovi orizzonti affabulatori, grazie alla poetica postmoderna della riscrittura. Una poetica sorretta da innovativi mezzi espressivi, efficaci ad illuminare mitologie antiche, contemporanee, personali, una rete di enigmi umani e sovrumani, una foresta di simboli. Pavese è uno scrittore volto a cogliere i fili incongruenti, ambigui e misteriosi che esistono tra le cose, per cui il rapporto fantastico delle immagini è l’argomento stesso della sua rappresentazione, è il cuore del racconto. Lo sperimentalismo con i meccanismi del fantastico dà adito anche ai motivi della referenzialità e della metaletterarietà; porta avanti un racconto intricante in cui non manca neanche il segmento del barocchismo; crea una poesia diversa da quella dell’ermetismo che impera nei tempi di Pavese.

L’autore: Franco Zangrilli è Full Professor d’italiano e di letteratura comparata alla City University of New York. Ha pubblicato più di quaranta testi di critica letteraria sugli scrittori contemporanei. I suoi libri più recenti sono: “Un mondo fuori di chiave. Il fantastico in Pirandello”; “Dietro la maschera della scrittura. Antonio Tabucchi”; “Il pianeta dei misteri. Il neofantastico in scrittori contemporanei”. Dirige diverse collane di critica letteraria e di scrittura creativa e ha vinto numerosi premi per il suo lavoro di critico.

Autore: Franco Zangrilli
Titolo: Il piacere di raccontare - Pavese dentro il fantastico postmoderno
Editore: Dario Flaccovio
Anno 2017
Pagine: 288
Prezzo: 26 euro
Isbn: 978-88-579-0654-6

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.