venerdì 24 febbraio 2017

LE 10 INVENZIONI TECNOLOGICHE CHE HANNO CAMBIATO LA VITA DELLE DONNE NEGLI ULTIMI 100 ANNI

Dalla piastra per capelli, al trucco permanente fino alla tecnologia laser, gli ultimi 100 anni hanno visto alternarsi invenzioni di ogni genere, che in molti casi hanno messo al centro l’interesse per la donna. Il nuovo millennio ha sancito l’importanza della tecnologia per il benessere del fisico e della mente delle donne.
Secondo un'indagine realizzata dalla Miller School of Medicine - University of Miami, l’immagine del corpo incide fortemente sulla sfera psicologica delle persone, in particolare del gentil sesso. Per questo gli ultimi anni hanno visto la tecnologia compiere passi da gigante nel campo della medicina estetica, attraverso macchinari all’avanguardia che hanno migliorato il rapporto delle persone con il proprio corpo. Oggi i principali desideri delle donne sono i trattamenti di epilazione permanente (45%), trucco permanente (42%), manicure o pedicure (39%) e il ringiovanimento cutaneo (37%). I benefici non sono puramente estetici, ma anche psicologici in grado di rafforzare l’autostima (62%), di accettare maggiormente l’immagine del proprio corpo (58%) e più nel concreto permettono di risparmiare tempo per la cura del corpo (52%) e di variare il look facilmente (46%).

È quanto emerge da un monitoraggio condotto da Found! in occasione del Congresso Internazionale di Medicina e Chirurgia estetica Sies - Bologna 24/26 febbraio, su 50 testate internazionali, dedicate a scienza, tecnologia e attualità, oltre che su un panel di 30 esperti nel campo dell’innovazione, della sociologia e della scienza applicata, per capire quali siano state le scoperte degli ultimi 100 anni che hanno concretamente rivoluzionato le abitudini di vita delle donne.

Le continue scoperte in campo medico, scientifico e tecnologico hanno caratterizzato e continuano a fare parte della nostra società. Ma quali sono i settori che hanno saputo innovarsi maggiormente negli ultimi 100 anni? Secondo gli esperti  il campo dove sono state realizzate più innovazioni è quello tecnologico (67%), soprattutto nell’ultimo decennio, seguito da quello scientifico (64%) e quello medicale (62%).

La storia ha visto alternarsi invenzioni tecnologiche di ogni genere: se i primi del ’900 accoglievano la piastra per capelli ed il phon con grande entusiasmo, gli ultimi trent’anni hanno visto nascere nuove tecnologie per la bellezza della donna. L’epilatore elettrico e la dermo-pigmentazione ad esempio, hanno rivoluzionato l’aspetto estetico della donna del nuovo millennio,  anche se il passaggio decisivo è stato l’introduzione della tecnologia laser che ha permesso di intervenire efficacemente su diverse problematiche di carattere medico ed estetico. Nell’ultimo decennio infatti, le donne hanno cambiato abitudini di vita, grazie ad interventi mirati come l’epilazione laser permanente (45%), che è tra i principali desideri della donna. I ricercatori hanno compiuto passi da gigante in questo campo ed hanno messo a punto strumenti di controllo dell’emissione del raggio luminoso sempre più selettivo e qui più efficace. Allo stesso modo i trattamenti di foto ringiovanimento cutaneo (42%) hanno avuto un forte impulso grazie a procedure che permettono alla nostra pelle di affrontare il passare del tempo con naturalezza e risultati ottimali. Anche il ringiovanimento vaginale (31%) è sempre più richiesto dalle donne italiane.

“L’ausilio della tecnologia nella medicina estetica rappresenta un aiuto concreto per il benessere delle donne- afferma Lapo Cirri, direttore commerciale di Renaissance -. Per quanto riguarda i trattamenti estetici, la domanda da parte della sfera femminile è sempre molto alta e non ha età. I trattamenti più richiesti nel nostro settore sono quelli che riguardano l’epilazione e il rimodellamento del corpo, anche se sicuramente recitano una parte importante il foto-ringiovanimento,  l’eliminazione delle macchie della pelle e la rimozione dei tatuaggi. Il MonnalisaTouch, trattamento dedicato al problema dell’Atrofia Vaginale e dei suoi sintomi durante la menopausa, testimonia l’attenzione che da sempre abbiamo non solo per “l’estetica” del modo femminile, ma anche per le problematiche funzionali: questo trattamento, oggi convalidato da 18 pubblicazioni scientifiche e da quasi 2000 modelli laser installati nel mondo, ne è la testimonianza”. 

“Il progresso tecnologico ha permesso di mettere in campo una serie di trattamenti con un ‘downtime’ molto più breve – afferma Giustino Gallo, product manager di Renaissance -.  La richiesta di questi trattamenti è aumentata esponenzialmente negli ultimi anni, prima da parte della popolazione femminile, poi anche di quella maschile. In generale tutti quei pazienti che hanno superato gli ‘anta’ oggi, si sottopongono con consuetudine a quei trattamenti che tendono a rallentare il cronoaging. Parliamo di tutti i danni che sono tipici dell’irraggiamento solare che è sempre  più pericoloso. I laser come il Discovery PICO sono adatti per un pubblico che chiede un trattamento per la rimozione di tatuaggi, il Tatoo changing, e delle macchie solari. Se invece parliamo di foto-epilazione, che può essere fatta durante tutto l’anno, si utilizzano sistemi come il Duetto MT EVO”.

Il laser si pone così come l’innovazione tecnologica più significativa degli ultimi anni, grazie alla mininvasività, sicurezza e precisione capace di migliorare non solo l’aspetto estetico di una donna, ma soprattutto la qualità della sua vita. La sua storia risale agli inizi del secolo scorso: fu Einstein, nel suo trattato Zur Quantum Theorie der Strahlung del 1917 a teorizzare la possibilità di un’emissione stimolata della luce, diversa da quella spontanea. A quell’epoca la parola laser neppure esisteva: si tratta di un neologismo, coniato nel 1959 da Gordon Gould. Ma fu solo un anno più tardi che Theodore Maiman costruì il primo laser a rubino e il 16 maggio del 1960 proiettò una luce rossa nel laboratorio di ricerca della Hughes a Malibu in California. Sono negli ultimi anni il laser è stato usato soprattutto per scopi medici. Secondo gli esperti i vantaggi più significativi riguardano il trattamento di rimozione dei tatuaggi (43%), dell’atrofia vaginale (41%) e delle lesioni vascolari (38%). 

“La tecnologia in generale ha portato un’innovazione nei trattamenti delle problematiche che si possono presentare con la menopausa – afferma il Prof. Stefano Salvatore, ginecologo e responsabile dell’Unità funzionale di Uroginecologia dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano -. Il laser viene applicato in ambito ginecologico non solo per trattamenti estetici, ma come un vero e proprio trattamento medico per condizioni che hanno impatto sulla qualità di vita, sull’autostima e sull’ immagine di sé, che spesso compromette i rapporti relazionali delle pazienti. Bisogna differenziare un trattamento come quello dell’atrofia vulvo vaginale che colpisce soprattutto le donne in post-menopausa, dai trattamenti che riguardano le donne più giovani. Anche loro possono beneficiare di questi trattamenti: secchezza vaginale e la conseguente difficoltà ad avere rapporti sessuali sono segnali che identificano problematiche trattabili e migliorabili con il laser. Bisogna saper preservare le dimensioni della coppia, riducendo quelli che sono gli aspetti che possono limitarne il rapporto”. 

Ma seguendo un percorso cronologico, quali sono le 10 invenzioni tecnologiche che hanno cambiato la vita della donnanegli ultimi 150 anni?

LA PIASTRA PER CAPELLI: oggi è un elettrodomestico che serve per modificare la struttura dei capelli facendo ricorso al calore, ma la prima versione risale al 1906, quando Simon Monroe brevettò un utensile composto da sette denti metallici che pettinavano i capelli, lisciandoli.

IL RASOIO PER DONNE: il rasoio a lame monouso è stato brevettato per la prima volta nel 1895, ma per la donna la svolta è avvenuta nel 1915 con la nascita del primo rasoio specificatamente per donne. Nel 1928 poi, sarà brevettato il primo rasoio elettrico dal produttore statunitense Col. Jacob Schick.

L’ASCIUGACAPELLI: I primi vennero inventati nel 1920 a Racine, nel Wisconsin. L'idea nacque dall'unione dell'aria uscente da un aspirapolvere con un motore da frullatore. I primi asciugacapelli erano voluminosi, pesanti e poco pratici, però guadagnarono presto consenso presso i consumatori evolvendosi fino ai modelli attuali.

LAMPADA ABBRONZANTE: a partire dagli anni ’70 alcune aziende hanno sfruttato questa tecnologia per immettere sul mercato i primi modelli abbronzanti, finalizzati ad uso estetico e non più solo medico. I “lettini” solari fecero così il loro ingresso negli istituti di bellezza. Ma solo negli anni ’90 ci fu un vero e proprio boom della abbronzatura artificiale, grazie al miglioramento della tecnologia delle lampade UVA. 

IL TEST DI GRAVIDANZA: dopo numerosi tentativi, ha raggiunto affidabilità, velocità e semplicità di esecuzione tali da far diventare storici anche i più recenti.  Negli anni ’80 comparvero i primi test diretti, mentre negli anni ’90 si passò all’utilizzo degli enzimi indicatori. Ora abbiamo display digitali e test di funzionalità precoce con tecnologia monoclonale multipla usati di norma dal primo giorno in cui salta il ciclo mestruale con risultati visualizzati in pochi minuti.

L’EPILATORE ELETTRICO: è stato lanciato sul mercato nel 1986. Si tratta di una macchinetta che pinza e strappa con rapidità il pelo, rompendolo o estraendolo fino alla radice. L'epilazione meccanica, può essere realizzata anche manualmente con pinzette o con un filo sottile manovrato in modo che si attorcigli ai peli prima dello strappo.

CUFFIA ASCIUGACAPELLI: una tecnologia avanzata collegabile alla bocchetta per l'uscita dell'aria calda dei tradizionali asciugacapelli. Il funzionamento di questa cuffia è lo stesso del casco asciugacapelli, ma la differenza sta nel fatto che l'aria calda viene soffiata fuori dall'asciugacapelli e questa, passando tramite un tubo collegato alla cuffia, arriva fino a quest'ultima e asciuga i capelli.

TRUCCO PERMANENTE: è la soluzione ideale per chi, per esigenze di lavoro o semplicemente per se stessa, vuole sempre un trucco perfetto, ma non ha il tempo per realizzarlo tutti i giorni. E’ una tecnica di pigmentazione dell’epidermide, affine al tatuaggio, eseguita tramite l’introduzione di micro-pigmenti minerali nello strato superficiale dell’epidermide, con un ago montato su apposito macchinario.

SPAZZOLA PULIZIA VISO: è spazzola a micro-oscillazione nata a Seattle nel 2011 che deterge perfettamente la pelle in un minuto. È un sistema semplice per liberare i pori della pelle. Negli anni è diventato la scelta numero 1 delle donne per la pulizia del viso. Con oltre 300 micro oscillazioni al secondo, pulisce a fondo l’epidermide. 

IL LASER USO MEDICO ED ESTETICO: i primi esperimenti nel campo dell’epilazione con apparecchiature basate sull’emissione di luce coerente risalgono a poco più di due decadi fa, ma è solo nell’ultimo decennio che questo trattamento ha preso il volo. Infatti nel triennio 1995-1998 la Food and Drug Administration (FDA) approvò il primo laser specificatamente ideato per l'epilazione laser. I laser come il Discovery PICO sono adatti per un pubblico che chiede un trattamento per la rimozione di tatuaggi, il Tatoo changing, e delle macchie solari. Se invece parliamo di foto-epilazione, che può essere fatta durante tutto l’anno, si utilizzano sistemi come il Duetto MT EVO. Il MonnalisaTouch invece è adatto al trattamento dedicato al problema dell’Atrofia Vaginale e dei suoi sintomi durante la menopausa.

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.