giovedì 23 febbraio 2017

Emanuela Grimalda il 6 marzo interpreta "Le difettose". L'intervista di Fattitaliani: rispetto la tv, ma il teatro è la mia casa

Nell’ambito della rassegna Io sono mia presso la Casa Internazionale delle donne in Via San Francesco Sales a Roma, Emanuela Grimalda, attrice e autrice di origine triestina, che alterna da sempre cinema, teatro e televisione, dopo l’amatissimo personaggio di Ave Battiston nella serie Un Medico in Famiglia, torna in scena con Le difettose, tratto dall'omonimo romanzo di grande successo di Eleonora Mazzoni.  
Uno  spettacolo, allegro, disperato, trasversale e vitalissimo esattamente come il microcosmo sotterraneo, apparentemente marginale ma assai popoloso che racconta. Sette personaggi per una sola attrice,  ironia e commozione in uno slalom senza fiato. In scena lunedì 6 marzo 2017 alle ore 21.00, Emanuela Grimalda, con l’impianto registico di Serena Sinigaglia interpreta il monologo per sette personaggi e un’attrice. Fattitaliani l'ha intervistata.
Quale aspetto l'ha maggiormente convinta a portare in teatro "Le difettose"?
Dopo aver letto il romanzo di Eleonora Mazzoni ho deciso di comprarne i diritti e di metterlo in scena. Ho chiesto a Serena Sinigaglia di fare la regia e l'ho in buona parte prodotto. Quindi è un progetto cui tengo molto. Mi interessava il paradosso molto contemporaneo sul tempo: l'età della vita si è molto allungata ma l'età fertile è rimasta la stessa. Inoltre la scienza ha allargato gli orizzonti costringendoci a spostare i confini etici e ha creato non poche contraddizioni nella società. Anche molto dolorose. Il teatro ha il dovere di mettere in campo queste contraddizioni.
La trasposizione teatrale porta ovviamente a dei cambiamenti d'ordine "tecnico e pratico": come fare a rendere lo spettacolo teatralmente autonomo in sé e al contempo coerente allo spirito del romanzo?
Abbiamo lavorato tutte e tre alla riduzione teatrale. Per ovvie ragioni abbiamo centrato su alcuni personaggi il plot della storia dando spazio anche a personaggi nuovi. Qualcosa del romanzo è stato sacrificato. Ma la storia di Carla, la difettosa che cerca di avere un figlio, attraverso il suo percorso doloroso ma anche pieno di vitalità è intatta. Il monologo è a sette personaggi. Cinque donne e due uomini. E si ride anche.
Era già a conoscenza dei vari aspetti della procreazione assistita? in che cosa il libro e poi lo spettacolo l'hanno resa più consapevole al riguardo?
Nel 2012 non sapevo quasi nulla della procreazione medicalmente assistita. Ma la storia che volevo raccontare non è solo questo specifico. Volevo un ragionamento attuale sul concetto di vita che però vivesse nel cuore e nel corpo di un attore. Volevo parlare delle persone che ci sono sempre dietro le leggi o i numeri. Dare voce a chi ne ha poca. Farne uno spettacolo che parla a tutti perché il desiderio di un figlio è un desiderio universale. È un bisogno di infinito che accomuna uomini e donne.
A chi spera arrivi nel suo messaggio centrale "Le difettose": alle donne, agli uomini o alle istituzioni?
Vorrei che Le Difettose fosse visto da tante persone.  Donne, uomini,  giovani. Io lo farei anche nelle scuole. Si presta molto. Dura un'oretta. È anche attraversato dall'ironia. Ci si commuove e ha un ritmo serrato. Le istituzioni, la classe dirigente sono spesso ritardo rispetto al paese. Quindi ben vengano.
Che cosa dà il teatro in più rispetto alla fiction? e viceversa?
Il teatro è la mia casa. Io sono nata a teatro. Tutto torna al teatro come l'acqua va al mare. A teatro l'attore è fragile e onnipotente. Sublime nella sua nudità. Solo a teatro l'attore può trovare la sua verità. Il teatro non morirà mai perché attiene alla condizione umana. E non ha bisogno di nulla o di molto poco. In questo è un'arte rivoluzionaria perché per esistere non ha bisogno del capitale.
La rivedremo in tivù?
Sì con un tv movie, una coproduzione italo tedesca con Stefania Rocca e Ricky Tognazzi. Ho grande rispetto della televisione che oltre ad avermi fatto conoscere a tante persone mi ha consentito anche di poter investire economicamente  in un  progetto teatrale come Le Difettose. Questo perché volevo avere la massima libertà decisionale sul progetto stesso. Anzi esorto gli attori che se lo possono permettere a mettersi in gioco, a rischiare in proprio per costruire quel nuovo di cui tutti abbiamo bisogno. Giovanni Zambito.
©Riproduzione riservata

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.