sabato 7 gennaio 2017

Politici non termovalorizzabili

Leggo su Repubblica.it:

Corsa ai termovalorizzatori: un colosso svizzero punta ai rifiuti siciliani.
Progetto da 500 milioni per un mega-impianto nel Catanese. 

Finalmente qualcuno ha scoperto la nostra vera vocazione industriale, il nostro “core business”: l'immondizia. E così la Sicilia, che non è mai stata veramente valorizzata, sarà almeno termovalorizzata. 
Vi confesso che mi era venuta un’idea: aggiungere ai soliti cassonetti - umido, vetro e metallo, plastica e abiti usati, un cassonetto "rifiuti speciali: politici inutili e/o dannosi".
Speravo che finalmente avremmo potuto tirare fuori qualcosa di buono dai nostri peggiori rappresentanti, anche se solo una manciata di calorie. 
Ma un ingegnere amico mi ha scoraggiato. Mi ha ha detto che purtroppo per bruciare questi sottoprodotti della democrazia bisogna fornire più calore di quanto se ne ottiene.
Insomma, se si tentasse di termovalorizzarli, consumerebbero più di quello che produrrebbero.
Come al solito. 

Carlo Barbieri

Carlo Barbieri è uno scrittore nato a Palermo. Ha vissuto a Palermo, Catania, Teheran, il Cairo e adesso fa la spola fra Roma e la Sicilia. Un “Siciliano d’alto mare” secondo la definizione di Nisticò che piace a Camilleri, ma “con una lunga gomena che lo ha sempre tenuto legato alla sua terra”, come precisa lo stesso Barbieri. Scrive su Fattitaliani, NitroNews, Il Fatto Bresciano, QLnews, Sicilia Journal e Malgrado Tutto, testata su cui hanno scritto Sciascia, Bufalino e Camilleri. Ha scritto fra l’altro “Pilipintò-Racconti da bagno per Siciliani e non”, i gialli “La pietra al collo” (Todaro Editore, ripubblicato da IlSole24Ore) e “Il morto con la zebiba” (candidato al premio Scerbanenco) e “Uno sì e uno no”, una raccolta di racconti pubblicata da D. Flaccovio Editore. Suoi scritti sono stati premiati alla VI edizione del Premio Internazionale Città di Cattolica, al IV Premio di letteratura umoristica Umberto Domina e alla VII edizione del Premio Città di Sassari e al Premio Città di Torino. I suoi libri sono reperibili anche online, in cartaceo ed ebook, su LaFeltrinelli.it e altri store.

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.