lunedì 14 novembre 2016

RETE 4, DAL 26 NOVEMBRE IN PRIMA SERATA «LA SETTIMA PORTA» CON ALESSANDRO CECCHI PAONE

Al via dal 26 novembre, ogni sabato, con quattro appuntamenti in prima serata, «La settima porta», un magazine dedicato ai grandi e piccoli interrogativi del mondo della conoscenza. Al centro di ogni puntata, scienza, storia, cosmo, fenomeni naturali, il mondo della mente e ciò che risulta apparentemente insondabile.
Alla conduzione - con un ritorno al primo amore professionale, ovvero il sapere e le sue diverse discipline - Alessandro Cecchi Paone. In veste d’inviati, Vincenzo Venuto e Carolina Rey: il primo, biologo e naturalista, è chiamato a vivere in prima persona situazioni limite per spiegarle e suggerire vie di uscita in caso di pericolo; la seconda, intraprendente e curiosa, sperimenta sulla propria pelle quesiti scientifici dando conto delle proprie emozioni e reazioni. L’evocativo titolo del nuovo programma della rete diretta da Sebastiano Lombardi, invece, è da intendere come la porta della conoscenza, che conduce alle informazioni su ogni cosa creata; come la curiosità propria del genere umano; come la voglia di esplorare ed indagare, per avere o tentare di dare risposte ad ogni tipo di enigma. In uno studio in cui le porte sono anche un’idea scenografica, Alessandro Cecchi Paone interpreta la curiosità del pubblico nei confronti del mondo, indaga la realtà, i suoi meccanismi ed i suoi segreti. All’esterno, Venuto e Rey vivono prove impegnative ed estreme sui più disparati interrogativi della scienza e della psicologia umana. Nel corso della serata, i vari temi de «La settima porta» saranno affrontati con ospiti, servizi, esperimenti e, in chiusura, un dibattito tra opposte linee di pensiero. I documentari - realizzati da BBC - proposti dal magazine, indagheranno sulle particolarità del quotidiano, le stranezze degli animali, sul mondo prossimo futuro, sul cervello ed i comportamenti umani, su casi bizzarri ed apparentemente inspiegabili della natura. Tre minuti con Samantha Cristoforetti, infine, faranno luce sulle ricadute nel quotidiano di grandi scoperte o avveniristici progetti futuri. Tra questi, il caso delle onde gravitazionali, dei buchi neri o della possibilità di viaggiare nel tempo.

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.