mercoledì 30 novembre 2016

Cinema, dal 1° dicembre nelle sale "I CORMORANI" di FABIO BOBBIO

Nell'estate dei loro dodici anni Matteo e Samuele passano le giornate tra il fiume, il bosco e il centro commerciale, ma rispetto agli anni precedenti qualcosa sta cambiando.

Il gioco diventa noia, la fantasia cede il passo alla scoperta, l'avventura si trasforma in esperienza di vita: Samuele e Matteo sono due Cormorani, in continuo adattamento nel rapporto con il mondo che li circonda, con il loro corpo che sta cambiando e alla ricerca di un'autonomia e di uno spazio da far proprio, da colonizzare.
Un'estate senza inizio e senza fine, il racconto di un'amicizia, di un'età e di un territorio costretti a mutare con il tempo che scorre inesorabile.

NOTE DI REGIA
Ho un ricordo vivo di quell'estate calda in provincia, del fiume al tramonto, delle zanzare e della festa del paese, di quei pomeriggi nel bosco in cui non sapevamo cosa fare, perché giocare era da bambini, e noi non lo eravamo più. O forse non è un ricordo, forse sono immagini che ho visto in un film, o letto in un romanzo.
Ho incontrato Samuele e Matteo e ho chiesto loro di lasciarsi filmare nello spazio di un'estate, senza una vera e propria sceneggiatura, con una troupe agile, perché la realizzazione del film fosse una sorta di gioco di ruolo, un'avventura per tutti.
Prediligendo alla messa in scena una “messa in situazione” e creando dei confini fittizi entro i quali i personaggi avrebbero potuto muoversi liberamente, ho potuto sperimentare una narrazione aperta e mutevole, in modo che il racconto potesse nascere e stratificarsi in un confronto continuo con il reale.
Fabio Bobbio

Fabio Bobbio (Torino, 1980), è regista e montatore cinematografico.
Nel 2007 si diploma al Corso Superiore di Documentario Creativo all’Observatorio de Cine di Buenos Aires.
Collabora con i registi Ricardo Íscar, Alicia Cano, Daniel Villamediana, Mirko Locatelli e diverse case di produzione in Uruguay, Spagna e Italia.
Con La vida Sublime di Daniel Villamediana (fotografia e montaggio) partecipa in concorso al Festival Internazionale del Film di Locarno 2010, alla Viennale 2010 e al Bafici 2011; nel 2013 è assistente alla regia e montatore de I corpi estranei di Mirko Locatelli, presentato in concorso al Festival Internazionale del Film di Roma.
​I Cormorani è il suo primo lungometraggio​


I Cormorani è stato designato Film della Critica dal SNCCI con la seguente motivazione
"Nella sua opera di esordio, Fabio Bobbio esplora territori di confine, geografici e metaforici. Si muove sul crinale dell’incertezza e dell’inquietudine che accompagnano il passaggio dall’infanzia all’adolescenza con sguardo libero e inventivo, vero come un documentario, poetico come un romanzo di formazione. I cormorani offre una prospettiva di racconto insolita e sincera, audace e immersiva, lirica e commovente. Una nuova via, concreta e suggestiva, per il cinema d’autore italiano contemporaneo".

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.