martedì 4 ottobre 2016

REFERENDUM: questi non ci fanno capire niente, aiutiamoci fra noi

REFERENDUM, TUTTI I SONDAGGI CONCORDANO: 
il 50% circa degli aventi diritto al voto non ci ha capito niente.

Del rimanente 50%, la grande maggioranza si è fatta una opinione basandosi sui rumori di fondo, ma non conosce i pro e i contro della riforma; e tanti vedono nel SI' e nel NO soprattutto un'arma per appoggiare Renzi o per buttarlo giù.
Se siete parte di quel 3-5% che ha letto la riforma, l'ha approfondita e si è formata un'opinione, beati voi; e se no, leggete l'articolo che ho pescato su internet. 
Un articolo interessante, che spiega "facile facile" e senza prendere posizione (miracolo!) il referendum su cui dovremo pronunciarci. Il migliore che ho letto fino adesso per chiarezza e "sterilità". Date un'occhiata:

Facciamolo girare. Aiutiamoci fra noi.
Carlo Barbieri

Carlo Barbieri è uno scrittore nato a Palermo. Ha vissuto a Palermo, Catania, Teheran, il Cairo e adesso fa la spola fra Roma e la Sicilia. Un “Siciliano d’alto mare” secondo la definizione di Nisticò che piace a Camilleri, ma “con una lunga gomena che lo ha sempre tenuto legato alla sua terra”, come precisa lo stesso Barbieri. Scrive su Fattitaliani, NitroNews, Il Fatto Bresciano, QLnews, Sicilia Journal e Malgrado Tutto, testata su cui hanno scritto Sciascia, Bufalino e Camilleri. Ha scritto fra l’altro “Pilipintò-Racconti da bagno per Siciliani e non”, i gialli “La pietra al collo” (Todaro Editore, ripubblicato da IlSole24Ore) e “Il morto con la zebiba” (candidato al premio Scerbanenco) e “Uno sì e uno no”, una raccolta di racconti pubblicata da D. Flaccovio Editore. Suoi scritti sono stati premiati alla VI edizione del Premio Internazionale Città di Cattolica, al IV Premio di letteratura umoristica Umberto Domina e alla VII edizione del Premio Città di Sassari e al Premio Città di Torino. I suoi libri sono reperibili anche online, in cartaceo ed ebook, su LaFeltrinelli.it e altri store.  

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.