martedì 11 ottobre 2016

I Fuoricentro, dal 21 ottobre in radio "Pia Contessa" singolo contro l'omofobia

Fuoricentro aprono in bellezza l'autunno con “Pia Contessa”singolo che tocca un argomento delicato ed estremamente attuale come l'omofobia. E lo fanno con un tono ironico e quasi favolistico, con la storia di un uomo moralista di giorno e peccaminoso di notte che, una volta scoperto per le sue scappatelle tra parchi e parcheggi, riceverà lo stesso trattamento da lui solitamente riservato al prossimo. Il tutto viene raccontato su un tappeto sonoro ammiccante, che richiama sia il rock anni '70 che l'elettro-pop anni '80. A firmare la canzone sono il cantante Maurizio Camuti e il chitarrista Roberto Arru.

«Pia Contessa nasce circa cinque anni fa, con l'intento di scrivere qualcosa di 'diverso', una realtà sconosciuta ai più ovvero l'omofobo etero fasullo e represso, quasi invidioso e spaventato della libertà altrui. Uno frustrato che nutre pulsioni irrefrenabili verso coloro che al bar con amici, al ristorante, tra i discorsi con i familiari, rifiuta e disprezza. Un 'carnefice' che è a sua volta vittima di se stesso e della sua educazione, costretto a manifestare le proprie pulsioni in gran segreto, con il travestitismo o banalmente attraverso incontri occasionali, nei momenti liberi rubati, nei parcheggi, insomma in posti e con persone che non potranno essere testimoni dell'inconfessabile» - spiega Maurizio - «Ho voluto raccontare il tutto in maniera molto ironica ed inaspettata, fornire l'altro lato della medaglia del fenomeno legato all'omofobia, proprio per far venire a galla i 'peccati' di una certa frangia di popolazione che molti non si aspetterebbero e non immaginerebbero neanche».
Pia Contessa” sarà in rotazione radiofonica dal 21 ottobre.
Chi sono i Fuoricentro:
Band emergente del panorama milanese con parecchi anni di attività musicale alle spalle, animata dal desiderio di comunicare attraverso la musica le proprie idee, i pensieri e gli stati d’animo. Definito come “eclettico”, da più voci critiche, il gruppo ama affrontare attraverso la musica anche le problematiche sociali del nostro tempo.
Dopo aver sperimentato, creato, improvvisato, presentano insieme alle vecchie e originali opere quali "Sentirai", "Sai che c'è", "E i piedi gonfi", "Oltre il mare” (brano presentato e salito sul podio al Festival di Castrocaro 2004), nuove melodie che risentono di quella passione comune per il genere rock anni '70 rinnovato dagli apporti provenienti dalla nuova formazione, a volte sfumato da lontane sonorità punk o da melodie pop. Hanno partecipato alla 17° manifestazione di RockTargatoItalia imponendosi tra i finalisti del concorso. Nel maggio 2006 hanno vinto il Concorso BandRace. 

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.