domenica 9 ottobre 2016

Carmen Di Pietro a Fattitaliani: "So che significa essere giudicati male per le proprie scelte". L'intervista

Ieri sera, sabato 8 ottobre, Carmen Di Pietro è stata special guest star di MaGAYzzini, l’appuntamento fisso del sabato sera organizzato dai Magazzini Generali di Via Pietrasanta 16 a Milano. "Quando mi hanno proposto questa serata contro l'omofobia ho accettato subito", dichiara a Fattitaliani. L'abbiamo intervistata.

Carmen, com'è andata la serata?
Ieri sera ai GRANDI MAGAZZINI mi hanno definita la regina dei social per le mie poesie, infatti ho avuto centinaia di imitazioni sui vari social. Ho letto delle poesie sul palco, io leggevo e tutti ripetevano in coro. Ho incontrato persone meravigliose e ringrazio di cuore tutto lo staff.
Il motto di  MaGAYzzini è "Non accontentarti dell’orizzonte. Cerca l’infinito”: lo condividi? 
Ti dico subito che io giudico le persone solo per come si comportano con me e in società. Con chi dividono la loro vita non mi interessa. Non a caso fa parte della vita privata di una persona. La vita ha tanti orizzonti immensi, basta individuare "quello che porta più serenità e più fortuna". Ecco perché ho scelto la poesia "M'illumino d'immenso" di Giuseppe Ungaretti. 
Nella tua vita cerchi di attuarlo anche nelle piccole cose?
Certo che cerco l'infinito nelle cose che faccio, soprattutto nel mio ruolo di mamma. Educo i miei figli ad avere rispetto per tutti e a far capire loro che ognuno ha diritto a una vita privata e a non giudicare mai le scelte di una persona. 
con Sandro Paternostro
Il dibattito su omofobia è sempre caldissimo: secondo te, da dove nasce questa avversione verso gli omosessuali?
Sono sicura che parole come omofobia, violenza, razzismo non "ci saranno", da adulti, nel vocabolario dei miei figli. La ricetta è questa: educarli da piccoli! Io stessa sono stata giudicata da tutti per aver sposato Sandro Paternostro di 43 anni più grande di me. So cosa vuol dire stare male perché gli altri ti giudicano per le tue scelte. Io ho pianto tanto per questo ma ho sposato ugualmente quest'uomo per amore. Ecco, ognuno sia felice con il compagno o la compagna di cui è innamorato. Giovanni Zambito.
©Riproduzione riservata