venerdì 21 ottobre 2016

ALLERGIE: 1 DONNA INCINTA SU 5 USA FARMACI, SPESSO SENZA SENTIRE MEDICO. INTOLLERANZE PIÙ FREQUENTI GLUTINE E LATTOSIO

GRAVIDANZA E FARMACI ANTIALLERGICI - "Una donna su cinque fa uso di farmaci da banco o con prescrizione - dichiara il Dr. Antonino Musarra, Presidente eletto dell’AAIITO - durante la gravidanza. Quelli maggiormente usati sono i decongestionanti e gli antistaminici. Sempre più spesso le donne incinta acquistano farmaci di propria sponte, senza consultare il medico curante, anche quando si tratta di prodotti antiasmatici, seppure in Italia si presti maggiore attenzione rispetto ad altri Paesi. Spesso la scarsa conoscenza sulla sicurezza dei farmaci e quindi lo scarso utilizzo anche di quelli più sicuri, porta al ricorso ad espedienti poco efficaci che rischiano di esacerbare i sintomi ed a causare danni al feto".

IL CONGRESSO - Se ne parla durante il Congresso Nazionale dell’AAIITO, Associazione degli Allergologi e Immunologi Territoriali e Ospedalieri Italiani, sino al 22 ottobre, presso il Palazzo del Consiglio Regionale di Reggio Calabria. L'appuntamento è presieduto da Beatrice Bilò, Presidente AAIITO, e Antonino Musarra, Presidente eletto AAIITO: "Più di 500 gli specialisti accreditati, provenienti da tutta Italia e dall'Estero. Saranno presenti per l'occasione anche i principali esponenti di numerose società scientifiche italiane ed europee. Gli argomenti che saranno trattati sono molteplici: da un lato procederemo sull'aggiornamento scientifico, con l'obiettivo di creare formazione e consapevolezza, dall'altro punteremo alla sensibilizzazione, nei confronti delle istituzioni e delle strutture di competenza,per una maggiore valorizzazione della figura dell'allergologo".

LA DIETA DELLA MADRE NON INFLUENZA LE FUTURE ALLERGIE DEL FIGLIO - "Inizialmente - aggiunge Giuseppe Pingitore, specialista in Pediatria e Allergologia - si sconsigliavano alle madri che allattavano proteine allergizzanti come quelle dell’uovo o del latte, ma ad oggi si è notato che, sia durante la gravidanza che dopo, la madre può tenere una dieta libera, senza influire così sulle future allergie del figlio. Nei casi in cui il bambino non possa fruire del latte materno, ci sono dei dati, a cui sono ispirate le Linee Guida internazionali, che suggeriscono di dare un latte speciale ipoallergenico. Tuttavia, i risultati non sono univoci: alcuni studi dicono che nell’arco di qualche anno si riducono le allergie, soprattutto quelle alimentari e la dermatite atopica, ma non i rischi di diventare asmatici e di essere colpiti da rinite allergica. Altri sostengono che questa misura preventiva del latte ipoallergenico non dia alcun giovamento. Il dibattito resta aperto, con una prevalenza delle Linee Guida suddette, ma con una crescita della corrente di pensiero opposta".

LE INTOLLERANZE AL LATTOSIO E AL GLUTINE -  Le allergie alimentari interessano l'8% dei bambini, di cui un terzo ha reazioni gravi, e il 4% degli adulti. "Gli studi sul microbiota intestinale - spiega la Dr.ssa Paola Minale - stanno aprendo nuovi scenari che aiutano a comprendere i meccanismi della intolleranza e anche delle future terapie. Anche per l'intolleranza al lattosio, che interessa più della metà degli italiani, iter diagnostici più precisi e l'uso di probiotici sembrano aprire nuovi approcci non solo di restrizione dietetica. Il controverso quadro della sensibilità al glutine non celiaca sembra invece interessare, quando la diagnosi é corretta, solo un numero limitatissimo di casi. La diagnosi differenziale tra celiachia allergia al grano e NCGS e l'eventuale test in doppio cieco sono un interessante campo d'azione per l'allergologo".

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.