venerdì 23 settembre 2016

Terremoto Lazio e Marche, gli aiuti DAGLI ABRUZZESI E MOLISANI DEL FRIULI

GORIZIA - Continua la raccolta di fondi dell’Associazione regionale abruzzesi e molisani del Friuli Venezia Giulia per le popolazioni del centro Italia, ferite dal devastante terremoto del 24 agosto scorso. Un legame ancora più stretto quello degli abruzzesi con Amatrice, che fino al 1927 faceva parte della provincia dell’Aquila.

Il denaro raccolto entro la fine dell’anno, come già annunciato, sarà consegnato da una delegazione dell’associazione direttamente nelle mani di una o più famiglie particolarmente danneggiate. Sabato scorso il sodalizio è stato accolto in una festa nel Comune di Terzo di Aquileia (Udine), dove i soci volontari nella serata hanno distribuito alla popolazione “Un’amatriciana per Amatrice”, il piatto tipico preparato da sapienti mani con prodotti tipici fatti giungere espressamente dall’Abruzzo.

L’iniziativa, molto apprezzata e sostenuta dal sindaco Michele Tibald, che si è fermato insieme all’intera Giunta per gustare, in mezzo alla popolazione, il tradizionale piatto. Commoventi i gesti di solidarietà da parte della cittadinanza di Terzo, che ha partecipato e contribuito. Anche il presidente del locale Fans Club Udinese Calcio “Tipicamente Friulano”, Stefano Fioretti, ha voluto consegnare all’Associazione Abruzzesi e Molisani in Friuli un loro contributo.


Il denaro raccolto, tutto regolarmente documentato, si va ad aggiungere a quello già raccolto con altre iniziative dell’associazione e a quello offerto dai soci. Il Presidente del sodalizio Roberto Fatigati, unitamente al Direttivo, desidera ringraziare la popolazione tutta di Terzo di Aquileia, l’Amministrazione comunale, la Parrocchia, la locale Banca CrediFriuli e le varie Associazioni per il contributo offerto in segno di solidarietà con le popolazioni colpite dal sisma.

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.