mercoledì 28 settembre 2016

Opéra Bastille, Parigi: fino al 18 ottobre la "Tosca" di Pierre Audi. La recensione di Fattitaliani

La tensione, i colpi di scena, gli intrecci fra i personaggi fanno di "Tosca" l'opera più drammatica di Puccini, che, intenzionalmente, rispetto all'opera originale di Sardou, cui si rifà, ha privilegiato più l'aspetto amoroso a scapito di quello storico, sebbene con una prospettiva meno intimista e straziante della Bohème.

Attualmente Tosca è in scena alla Bastille di Parigi (fino al 18 ottobre) e la prima del 17 settembre è stata accolta entusiasticamente dal pubblico: per la ventunesima volta, l'opera è stata riproposta nella messa in scena di Pierre Audi che è riuscito a far dialogare in maniera continua e naturale l'aspetto musicale con quello visivo, grazie anche alla scenografia di Christof Hetzer. Le scene fanno da sfondo alla narrazione in maniera monumentale e allo stesso tempo essenziale: qui, nei tre ambienti rappresentati (Chiesa di Sant'Andrea della Valle, Palazzo Farnese e la piattaforma di Castel Sant'Angelo), la cantante Tosca, il pittore Mario Cavaradossi e il capo della polizia Scarpia interagiscono, dialogano, si muovono...
I tre artisti che li impersonano (rispettivamente il soprano tedesco Anja Harteros, il tenore argentino Marcelo Álvarez e il baritono inglese Bryn Terfel) mostrano un altissimo livello di interpretazione, mandando il pubblico in visibilio nell'esecuzione delle tre celebri romanze, una per atto (Recondita armoniaVissi d'arteE lucevan le stelle). Da sottolineare la capacità attoriale di tutti e tre; i caratteri sono dipinti e restituiti nella loro personalità e fisicità: la gelosia e i sospetti di lei, la dedizione di Mario e la sadica perfidia di Scarpia.
Grandissimo anche il coro diretto dall'italo-argentino José Luis Basso che ha accentuato la drammaticità e la dimensione collettiva di alcuni momenti dello spettacolo. Applauditissimi l'orchestra e il Maestro Dan Ettinger.

Un'esperienza da vivere, in tutti i sensi, con tutti i sensi.

Nessun commento:

Posta un commento

COMMENTI
Attenzione: tutti i commenti anonimi verranno moderati e pubblicati solamente dopo l'approvazione della redazione di Fattitaliani.it.