domenica 21 agosto 2016

L'attore Rinaldo Talamonti si racconta a Fattitaliani: la partenza per la Germania, il cinema, la ristorazione

Chi è Rinaldo Talamonti: l'attore nasce a San Benedetto del Tronto. Il prossimo 25 agosto compirà 70 anni.

Lo incontro sulla spiaggia del suo paese nativo, San Benedetto del Tronto dove preferisce, rispetto ad altri posti mondani, la semplice tranquillità che lo riporta, dopo tanti anni in Germania, a gustare i tempi e i ricordi della sua infanzia qui vissuta.
Sono un  personaggio poliedrico nel mondo dell`immigrazione italo-tedesca degli anni '60/70.
Per una veloce integrazione ce l`ho messa tutta, pur di mettermi in evidenza, non volevo restare il classico emigrante, che arriva dopo aver abbandonato la famiglia, sgobba, non vive, vegeta, con tanti sacrifici pur di portare a casa i frutti del suo sudore, senza lasciarci le penne, nel paese che lo ospita, con il Titolo di (Gastarbeiter cioè Ospite di Lavoro) con un visto temporaneo. Tutto per una vita migliore.
Rinaldo si tuffa negli anni '70 nel mondo Fashion e della Calzatura per contribuire alla costruzione del Made in Italy.
45 anni di vita ruggente, cavalcando l`onda del Film Comico Erotico, in quei tempi, benvenuto al pubblico, assetato di un sesso dimenticato, dopo due frustranti guerre distruttive e la faticosa ricostruzione. Grande successo, e così il suo nuovo binario è costruito.
Il titolo di Pierino Tedesco gli dà sicurezza e stabilità. L'Italia ancora non aperta a questo genere di film osserva, poi inizia a imitare. Centro. I produttori guadagnano e la nuova Elite di attori si arranca.
Ma non ho mai abbandonato l`idea di essere un fortunato emigrante, quindi avevo il Dovere di aiutarli a impersonificarli, con i loro problemi sociali, essere dei Macho, dei chiacchierati Latin Lover. Oggi siamo tra gli emigranti i più rispettati e benvoluti all`Estero, grazie ai Nostri lavoratori e connazionali che hanno cotribuito a questo rispetto. Uno Spot girato dagli Americani fu il mio vero Start, con una proposta di seguirli in America; ero troppo impreparato per questo passo, ero innammorato per abbandonare la mia ragazza, c'era di mezzo il mare: non ebbi il coraggio. Restai, ma un anno dopo venni scelto per il Mio primo film, e da quel momento non mi fermai più.
Rinaldo calca palcoscenici teatrali, publicità e dopo 48 Film di Commedia Sexy, arriva la TV. Proposte di partecipazione  alla serie Derrick, Commissario Tatort, o trasmissioni per bimbi, sit commedy etc......
Ho proceduto intrepido, verso la realizzazione dei miei sogni. Spronando tutti coloro che mi erano intorno a imitarmi. Non volevo essere il solo a beneficiare della fortuna. Il mondo della Calzatura mi fece viaggiare moltissimo e immagazzinare esperienze mondiali. Aziende quotate, Sergio Rossi, Mignani, A. Guardiani, Taccetti, N. Muzi Elyse Baldan, etcc... una vera collana di valore internazionale...
Ma cosa è un uomo senza avere a fianco una donna forte? Io avevo la mia ragazza e futura moglie Roswitha, che con tanta pazienza e comprensione, mi consigliava e dirigeva, a lei debbo il ringraziamento più grande.
La forza e volontà di raggiungere una meta, non mi mollava, così decisi di iscrivermi alle Scuole di Teatro a Berlino e feci la scelta di avere i Maestri della Actor Studio di NY, della Lee Strasberg con metodo Stanislawscky. Mi sentivo sicuro e tranquillo. Lavoravo per Me, per il Mio Ego.
Si susseguirono nuovi Film di avventure in Colombia, lavorando negli stessi ambienti di Bud Spencer e Terence Hill; in Africa (Zulu Dawn) con attori del calibro di Traver Howard, Ron Ely, Camerun Mitchel, B, Britt Echland, film basato sulla deportazione di schiavi verso l`America nei tempi di Cecil Rodes. The High Crusade prodotto da R. Hemmerich, con Rick  Howerton. Debby Carrington Riees: mi sentivo onorato e arrivato.
Ma nella vita non ci sono solo rose anche spine. Un`adozione voluta ma impreparata, sconvolse il mio programma: credendo di far del bene mi ritrovai con un mare di problemi, che ho risolto con tanti dispiaceri.
I tempi cambiano, la nuova evoluzione verso l`anno 2000 mi porta a un nuovo investimento; decido di aprire un Bistrot Restaurant al centro di Monaco di Baviera, il Buon Gusto Talamonti, che diventerà nel giro degli anni la meta dei VIP della città e di personaggi illustri nel mondo dello spettacolo e dell'Opera. Ma tanti anche gli Ospiti Italiani da Albano, Ricciarelli, Morricone, il Maestro Riccardo Muti, Gavanelli, Jo Cocker, Breyan Adam, Sir Antony Prevayn,  Luca Tony Ribery etc... Poi i  Politici tedeschi vollero che io mi candidassi a Consigliere Comunale per Monaco nelle file Liberali (FDP): ne uscii vincente con circa 29 mila voti. Non avevo ambizioni politiche, così mi ritirai restando nel consiglio. Dopo servizi e collaborazione con il nostro Consolato d'Ìtalia Monaco di Baviera (Ente turistico Italiano e Istituto  Culturale), arriva il riconoscimento, l`ambito  titolo di tante persone, Il Cavalierato. Cosi diventai Cavaliere della Republica Italiana. Dopo 15 Anni di esperienza e pratica Culinaria nella Cucina del mio locale anche il titolo di Maïtre della Chaine de Rotisseurs: Alto riconoscimento della Gastronomia Mondiale.
In quell`angolo di Italia (Buon Gusto ristorante) si respira aria del mio paese nativo San Benedetto del Tronto.
Il Carnevale di Monaco di Baviera mi accoglie con 5 anni di presenza quale Giullare di Corte.
I giornalisti assidui frequentatori del mio locale e meta di incontri fanno di me una icona e tanta publicità.
A tuttoggi sulla cresta dell`onda e sempre attuale, naturalmente parlo del paese dove sono cresciuto e vissuto.
Iniziiai a scrivere testi per Song e anche cantarli  come (Strunz, Fratelli d´Italia nel WM dell`Africa e L`Italiano Bavarese per l`Ocktoberfest) per accontentare anche le presenze dei nostri connazionali nelle birrerie.
Poi dopo la tempesta un po' di calma: incomincio a tirare le reti, e occuparmi di memorie scrivendo sia soggetti che Autobiografia anche sui bollenti anni '70. Ancora in fase di programmazione è un Serial che rientra nel mio progetto. Non ho dimenticato né il Mio Paese né le Mie Origini e vorrei fare un film nella mia città nativa.
I miei futuri progetti sono come il proverbio... Se sono Rose fioriranno.
Ora cerco di riposarmi e sognare sulla Nostra piacevole spiaggia e ricostruire con calma una nuova fase di vita e rivedere il mondo del cinema nella funzione di attore cercando di trovare il Regista giusto per la mia personalita e capacità che possa condividere il futuro. Naturalmente prendendo in considerazione anche dei ruoli che non sono piu il Latin Laver di una volta né il Trentenne scattante Quindi??? Sono curioso su cosa il destino mi proporrà.
L`avvicinamento di nuove conoscenze nuovi amici e collaboratori, e una bella fetta di Fans che non mi hanno abbandonato mi spronano a dare ancora il massimo del Mio meglio.
A cura di Emanuela Del Zompo.